Il pavone di foto in ceramica

‘Curiosa Meravigliosa’ è la gigantografia esposta a Reggio Emilia, che ha ottenuto anche il riconoscimento ‘Cultura+Impresa’

 

È una specie di maxipuzzle, 16 metri di verticale, dall’alto verso il basso o viceversa e 6 metri di estensione, il pavone composto da oltre 12 mila fotografie in bellamostra sulla facciata esterna del Palazzo dei Musei Civici di Reggio Emilia. ‘Curiosa Meravigliosa’ è stata realizzata da Joan Fontcuberta in collaborazione con il Gruppo Marazzi, azienda leader nel settore della ceramica. La gigantesca opera assemblata dal catalano Fontcuberta, ha visto la partecipazione di migliaia di cittadini che hanno offerto le rispettive immagini con il denominatore comune proprio della ”curiosità” e della ”meraviglia”. L’invito è stato quasi sorprendentemente raccolto e il fotografo e scrittore sessantottenne di Barcellona ha rielaborato digitalmente il materiale per poi completare la composizione con quelle delle decorazioni del Museo. La scelta del pavone per formare l’unica grande proposta è stata dello stesso Fontcuberta.
Originale e straordinariamente visibile, ‘Curiosa Meraviglia’, è formata da ben 130 lastre di gres porcellanato che completano l’intervento di riqualificazione della piazza vicino ai Musei Civici. Un modo anche per far rivivere l’area e un punto d’incontro utilizzando l’arte e la collaborazione cittadina.
La progettazione e l’installazione è stata sostenuta dal Comune di Reggio Emilia e dalla sezione Engineering dell’azienda emiliana che ha seguito la produzione delle ceramiche e le altre delicate fasi. La collaborazione fra l’amministrazione pubblica e l’attività privata ha avuto anche un’appendice positiva con l’assegnazione del riconoscimento nazionale del Premio ‘Cultura+Impresa’ per la categoria Applicazione Probono VAAS’, ‘Value Analysis in Arts Sponsorship’, (‘Progetti di Sponsorizzazioni e Partnership Culturali’). L’iniziativa, sospinta da Federculture e da The Round Table in collaborazione con la Fondazione Italiana Accenture e da ALES (Arte, Lavoro e Servizi), seleziona i migliori progetti realizzati dalle aziende, dalle agenzie di comunicazione, dalle organizzazioni no-profit, dalle pubbliche amministrazioni e dalle associazioni e dalle fondazioni culturali. ‘Curiosa Meravigliosa’ è stata indicata fra le 132 proposte partecipanti. Il Premio è stato consegnato a Roma.
L’azienda, che ha opera in oltre 140 paesi, è un’altra delle eccellenze della produzione nazionale, in grado di fornire pavimenti e rivestimenti di alta qualità nel settore dell’arredamento e del design. La produzione, iniziata a Sassuolo in provincia di Modena nel 1935 da Filippo Marazzi, da tempo adopera le migliori tecnologie rispettando l’ecosostenibilità e gli standard internazionali, che sono opportunamente è regolarmente certificati. È stata proprio l’azienda emiliana a utilizzare le principali innovazioni tecnologiche, di processo e di design che hanno innalzato il Gruppo a riferimento nel settore della ceramica e dei rivestimenti per l’arredamento e, in generale, per l’edilizia.
‘”Curiosa Meravigliosa’ è stata pensata e progettata nel periodo del Covid-19. Durante quei difficili mesi era importante rivolgere e impegnare l’attenzione pratica e mentale verso altre situazioni”, ha rilevato Annalisa Rabitti, assessore alla Cultura e al Marketing del Comune di Reggio Emilia.

Condividi

Lascia un commento

Mostre

Le foto degli scavi

Originale mostra allestita al MAXXI di Roma con le immagini dei cantieri di tutto il mondo della società Ghella, leader nella realizzazione di infrastrutture per servizi pubblici. È visitabile fino al 25 settembre Condividi

Condividi
Read More
Mostre

I costumi di altri riti e culture

Originale esposizione fotografica a Palazzo Bonaparte. ‘Mario Testino. A Beautiful World’ per testimoniare la scoperta di alcune caratteristiche popolazioni di una trentina di paesi Condividi

Condividi
Read More
Mostre

I palcoscenici d’un tempo

‘Teatro. Autori, attori e pubblico nell’Antica Roma’ è l’originale esposizione allestita al Museo dell’Ara Pacis’ con numerose testimonianze, fra reperti, ricostruzioni video e strumenti musicali Condividi

Condividi
Read More