La filatelia della FederCalcio

Emissione di un francobollo da parte di PosteItaliane per i 120 anni di attività della FIGC e della nazionale azzurra

Un rettangolo di una dozzina di centimetri/quadrati, dentellato, prodotto dai lati di 3 e 4 centimetri, dalle molteplici facce e dagli ampi e svariati significati, fra cui di passione, storia, collezionismo, memoria. I 120 anni della Federazione Italiana Giuoco Calcio sono ricordati e celebrati anche con un francobollo dai bordi più lunghi colorati d’azzurro come la scritta e il numero dell’avvenimento sa festeggiare. Le date, 1898-2018, hanno una tonalità dorata come le quattro stelle delle conquiste mondiali, che sovrastano nel terzo sinistro li scudetto tricolore. L’emissione di PosteItaliane riguarda la serie tematica dedicata a ‘Lo Sport’, in questo caso il calcio. Ogni anno, fra l’altro, Poste presenta un francobollo in onore e gloria della società che vince il titolo nazionale, prima nel massimo campionato di calcio. Il francobollo, valore della tariffa ‘B’ stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato in rotocalcografia su carta bianca, patinata, neutra, adesiva, non fluorescente, su bozzetto a cura del Centro Filatelico della Direzione Officina Carte Valori e Produzioni Tradizionali dello stesso Poligrafico, precede un’altra emissione prevista per il prossimo 12 novembre in occasione del sessantesimo anniversario della fondazione del Centro Tecnico Federale di Coverciano, a Firenze. Dal 19 luglio via libera all’input del Ministero dello Sviluppo Economico con tanto di annullo nello ‘Spazio Filatelia’ di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma e Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e digitando poste.it. Disponibile anche un folder con francobollo, cartolina annullata e affrancata e busta nel primo giorno di emissione al costo di 14 euro. “Il francobollo ha ancora una valenza simbolica, romantica, importante nella coscienza collettiva e sociale, testimone di ogni tempo”, pietra del fatto, della vicenda, della ricorrenza “e non solo fra i collezionisti”, ha sottolineato Bianca Maria Farina, presidente di PosteItaliane.
Il velo è scivolato con l’azione ufficiale dell’annullo all’interno dello stadio Olimpico di Roma alla presenza della guida del CONI Giovanni Malagò, del commissario straordinario della FIGC Roberto Fabbricini, degli ex presidenti della FederCalcio Franco Carraro e Antonio Matarrese, del componente aggiunto dell’UEFA nel Consiglio della FIFA Evelina Christillin e del sottosegretario allo Sviluppo Economico Andrea Cioffi, oltre, naturalmente, l’attuale responsabile di Poste Bianca Maria Farina. Il giornalista Massimo Caputi ha fermato i momenti migliori del calcio italiano a livello internazionale caratterizzati da altrettante emissioni filateliche come le vittorie al Mondiale del 1934, in Italia; nel 1938, in Francia; nel 1982, in Spagna con disegno di Renato Guttuso e nel 2006, in Germania; all’Europeo, l’unica, nel 1968 al termine della finale-bis di Roma contro l’allora Jugoslavia e il solo oro olimpico in bellamostra nella bacheca di via Gregorio Allegri con Vittorio Pozzo a guidare gli azzurri nel 1936 a Berlino.
La maglia azzurra è diventata la seconda pelle per gli italiani e la squadra nazionale di calcio e poi di tutte le altre discipline sportive solo nel 1911 all’Arena di Milano in un confronto con l’Ungheria. Prima era bianca, con un nastro tricolore posto in alto, forse per risparmiare sulla tinta colorata o per omaggiare la Pro Vercelli, che nel periodo a cavallo dell’Ottocento e del Novecento furoreggiava. La tonalità ricordava il colore dello stendardo della famiglia reale dei Savoia, che risaliva al 1360, con stemma rosso e croce bianca sulla maglia azzurra, sulla parte sinistra, all’altezza del cuore. Maglia semplice, colletto a polo, calzoncini bianchi e calzettoni neri, diventati con il tempo azzurri.
Lo stadio Olimpico di Roma è stato teatro dei più importanti avvenimenti sportivi dal dopoguerra ai giorni nostri e anche futuri, in quanto ospiterà la partita inaugurale dell’Europeo del 2020, oltre a quelle di un girone eliminatorio. La FederCalcio, che negli anni ha ricordato tutti gli anniversari, dalla fondazione a Torino con l’avvio del campionato e la prima presidenza affidata a Mario Vicary, come immortalati dalle emissioni di francobolli da parte di PosteItaliane, dallo scorso 16 marzo ha allestito un intenso programma di iniziative, fra cui il video ‘Sei uno di noi’; una giorn sulle reti RAI sia televisive che radiofoniche; un ‘Calcio per tutti’ con i giovani a giocare nelle piazze di ventidue città italiane; open day nei centri federali territoriali; edizioni speciali della ‘Hall of Fame del calcio italiano’ e della ‘Panchina d’Oro’; il vino per i 120 anni presentato e assaporato a Vinitaly di Verona realizzato da Riccardo e Renzo Cotarella con etichetta griffata da Ermanno Scervino in collaborazione con la Comunità di San Petrignano; la ‘Women’s football week’ dedicata alla versione in rosa; ‘Kickoff’ e ‘Report Calcio’, il volume di statistiche pubblicato annualmente dalla Federazione e quello celebrativo, ‘Dove tutto ebbe inizio’ di Giorgio Burreddu e Alessandra Giardini; il ‘Grassroots Festival’ del Settore Giovanile e Scolastico; la ‘Vivo Azzurro Cup’, il torneo per i tifosi della nazionale; la ‘Azzurri Partner Cup’, il mini-campionato per le squadre degli sponsor; le finali delle manifestazioni studentesche a Senigallia; un convegno internazionale sulla Scienza della Nutrizione; il Premio di letteratura del calcio ‘Antonio Ghirelli’ e la presentazione del Bilancio Integrato della FIGC. Gran chiusura il 12 novembre al Centro Tecnico Federale di Coverciano.
La FIGC ha sostenuto la Fondazione presieduta dal professor Francesco Cognetti ‘Insieme contro il cancro’ attraverso una raccolta fondi con la distribuzione del cosiddetto ‘Pallone della Salute’.

Condividi

Lascia un commento

Sport

Pedalate di benessere

Convegno al Salone d’Onore del CONI sull’attività sportiva soprattutto dei giovani sempre più a rischio sovrappeso e obesità. Riflettori sul ciclismo Condividi

Condividi
Read More
Sport

L’Europeo di atletica leggera

Presentata ufficialmente in Campidoglio la rassegna che torna a Roma dopo cinquant’anni, fra l’altro quasi alla vigilia dell’Olimpiade di Parigi. Confermata la partecipazione dei migliori azzurri Condividi

Condividi
Read More
Sport

Tutti al mare. Di corsa

Presentata in Campidoglio la 49^ Eurospin RomaOstia Half Marathon. Attesi al via dell’EUR almeno diecimila podisti appassionati con una larga rappresentanza internazionale Condividi

Condividi
Read More