Regista da Oscar

Il mondo dello spettacolo perde Lina Wertmuller. Aveva 93 anni. Riconoscimento alla ‘Carriera’ a Los Angeles nel 2020

È stata la prima regista donna, o donna regista, ad essere candidata per conquistare l’Oscar del cinema, nel 1977 con ‘Pasqualino Settebellezze’, Lina Wertmuller, scomparsa a Roma all’età di 93 anni. Era arrivata alla fase decisiva nella sezione di ‘Migliore regista’, ma anche come ‘Miglior film straniero’, per la ‘Migliore sceneggiatura’ e per ‘l’attore protagonista’ nel nome e nella figura di Giancarlo Giannini. Quel Premio in terra californiana è stato consegnato alla sceneggiatrice, scrittrice e regista nel 2020 come riconoscimento alla ‘Carriera’, “per il suo provocatorio scardinare con coraggio le regole politiche e sociali attraverso la sua arma preferita, la cinepresa”. Dopo Lina Wertmuller la rincorsa alla prestigiosa statuetta ha riguardato e coinvolto altre sei donne-regista, dal 1994 al 2021: Kathryn Bigelow, Jane Campion, Sofia Coppola, Emerald Fennell, Greta Gerwin e Chloé Zhao.
Al mondo dello spettacolo Lina Wertmuller si era avvicinata attraverso la frequentazione e l’amicizia scolastica con Flora Caravella, poi diventata moglie di Marcello Mastroianni. Giovanissima ha frequentato l’Accademia Teatrale diretta da Pietro Sharoff e, quindi, diretto e organizzato il cartellone del Teatro dei Burattini di Maria Signorelli. Dopo una collaborazione con alcuni registi teatrali ha iniziato a firmare in prima persona per la radio, la televisione con ‘Il giornalino di Gian Burrasca’ e, soprattutto, per il cinema.
L’esordio nel 1963 con ‘I basilischi’; poi, con lo pseudonimo di Nathan Witch, ‘Il mio corpo per un poker’ e, quindi, ‘Mimì metallurgico ferito nell’onore’; ‘Film d’amore e d’anarchia-Ovvero “Stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza…”‘; ‘Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto’; ‘Pasqualino Settebellezze’; ‘La fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia’ e ‘Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova. Sì sospettano moventi polittici’. Tutta la produzione cinematografica è stata compressa e compresa fra il 1972 e il 1978. Nel 2004 ‘Peperoni ripieni e pesci in faccia’ e nel 2008 ‘Mannaggia alla miseria’. Da segnalare anche ‘Scherzo del destino in agguato dietro l’angolo come da brigante di strada’, ‘Io speriamo che me la cavo’ e ‘Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e politica’. Esperienza nel doppiaggio in ‘Mulan’. Era la voce di Nonna Fa.
Per Arcangela Felice Assunta Wertmuller von Elgg Spanol von Braueich anche direzioni teatrali: la ‘Carmen’ di Georges Bizet per l’apertura della stagione 1986/87 del ‘San Carlo’ di Napoli e la ‘Bohème’ di Giacomo Puccini all”Opera’ di Parigi nel 1997. Collaborazione con Franco Zeffirelli per ‘Fratello sole, sorella luna’. Negli anni ha diretto alcuni fra i più noti protagonisti del palcoscenico, del piccolo e del grande schermo come Sophie Loren, Mariangela Melato, Giancarlo Giannini, Tullio Solenghi, Veronica Pivetti, Paolo Villaggio, Claudia Gerini, Elsa Martinelli e Rita Pavone nella parte di Giannino Stoppani nel televisivo ‘Gian Burrasca’. Complessivamente ha diretto 23 pellicole cinematografiche e una quindicina fra produzioni televisive e teatrali, alcune come sceneggiatrice.
David di Donatello alla ‘Carriera’ nel 2010 e cittadinanza onoraria di Napoli conferita dall’allora sindaco Luigi De Magistris. Al Campidoglio è stata allestita la camera ardente per il saluto e l’omaggio da parte degli esponenti del mondo dello spettacolo e degli appassionati che hanno seguito la lunga attività della regista con la montatura bianca degli occhiali.

Condividi

Lascia un commento

Cinema

Il Festival degli archivi

Rinnovato l’appuntamento con l’originale rassegna promossa da AAMOD al cinema ‘Intrastevere’, ma anche all’Accademia di Spagna, all”Alcazar’, al Tempio del Bramante e a vicolo Moroni Condividi

Condividi
Read More
Cinema

Proprietà intellettuale

Incontro nella capitale promosso dalla FAPAV, la Federazione per la Tutela delle Industrie dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali. Chieste le normative sul diritto d’autore e sull’intelligenza artificiale Condividi

Condividi
Read More
Cinema

Luce su un secolo di storia. Dell’Italia

L’Archivio di Cinecittà conserva un patrimonio inestimabile fra foto e filmati dei costumi e delle vicende politiche del nostro Paese fin dal 1924. Molteplici le iniziative in programma per celebrare l’avvenimento Condividi

Condividi
Read More