Trouble in Tahiti

Mercoledì 3 aprile a La Sapienza l’opera in un atto di Leonard Bernstein eseguita in forma semiscenica

Mercoledì 3 aprile 2019 alle 18 nell’ambito della stagione realizzata da Roma Sinfonietta nell’Auditorium Ennio Morricone dell’Università di Roma “Tor Vergata” (Macroarea Lettere e Filosofia, via Columbia 1) sarà eseguita in forma semiscenica l’opera in un atto Trouble in Tahiti, di cui Leonard Bernstein (1918-1990) non solo compose la musica ma scrisse anche il libretto, per l’unica volta nella sua vita. La prima rappresentazione avvenne nel 1952 in una poco nota università del Massachusetts, perché nel periodo del maccartismo il giovane compositore-direttore-pianista americano era stato messo al bando dai grandi teatri e si era perfino visto ritirare il passaporto. Ma era talmente famoso che 3000 persone accorsero per sentire questa piccola opera.
Sembra che Bernstein abbia preso spunto dai rapporti tra i suoi genitori per l’argomento di Trouble in Tahiti, in cui vengono descritte le dinamiche che si stabiliscono in una coppia di mezza età, che ha raggiunto l’agiatezza economica e incarna quindi il “sogno americano”, dietro cui però si celano vite tutt’altro che felici, tra indifferenza, incomprensione e ansia, sebbene tutto sembri scorrere regolarmente tra tv, palestra e psicanalista. Interviene anche un trio vocale che – come disse lo stesso Bernstein – ha la stessa funzione del coro nella tragedia greca, ma che qui si esprime con un linguaggio jazzistico. Questo connubio di “tragedia greca” e jazz è un segno dell’ironia talvolta feroce e talvolta amara della più dark delle opere di Bernstein.
L’Ensemble strumentale In Canto sarà diretto da Fabio Maestri, che è particolarmente apprezzato come interprete di musica del Novecento e contemporanea. Nel suo curriculum figurano molti importanti teatri e orchestre nazionali e internazionali – tra cui Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai,  Orchestre Philharmonique de Nice, Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra Sinfonica Siciliana,  Opera di Roma, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Massimo di Palermo, Teatro Comunale di Bologna, Teatro Petruzzelli di Bari – ed è stato invitato in prestigiosi festival italiani e stranieri, tra cui Sagra Musicale Umbra, Maggio Musicale Fiorentino, Ravenna Festival, Belcanto Festival di Dordrecht e Biennale di Venezia.
I due protagonisti sono Chiara Osella e Dario Ciotoli, nei ruoli rispettivamente di Dinah e Sam. Il trio jazz è formato da Lucia Filaci, Carlo Putelli e Luca Bruno.
Biglietti: euro 12,00. Ridotti: euro 8,00. Studenti: euro. 5,00
Acquistabili anche nell’atrio dell’Auditorium “E. Morricone” prima del concerto
Info: 06 3236104, 339 8693226 – romasinfonietta@libero.it www.romasinfonietta.com

Condividi

Lascia un commento

Musica

Musei in Musica

25 novembre. A Roma, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una cinquantina di spazi saranno disponibili a tarda serata per mostre spettacoli Condividi

Condividi
Read More
Musica

La danza in chiesa

‘Con gli occhi del corpo’ è il riferimento della performance di Annie Hanauer all’Ara Coeli nel programma delle celebrazioni per gli ottocento anni del primo presepe a  Greccio Condividi

Condividi
Read More
Musica

‘L’italiano’ indimenticabile

Toto Cutugno è scomparso a Milano dopo una lunga malattia. Partecipazione da record al Festival di Sanremo, dove, però, aveva vinto solo una volta Condividi

Condividi
Read More