Spazi attivi

Al restaurato Palazzo Rospigliosi di Zagarolo operativa la decima struttura nella regione Lazio

E dieci. È il riqualificato Palazzo Rospigliosi di Zagarolo ad elevare a doppia cifra la consistenza dei laboratori della Regione Lazio per l’innovazione e l’incontro fra le imprese e favorire la realizzazione dei progetti, in particolare nel settore della cultura, del turismo e del game, anche attraverso l’avanzamento tecnologico. Oltre duemila metri/quadrati su più livelli a completa disposizione soprattutto dei giovani dell’area dell’hinterland romano, fra i Monti Prenestini e i Castelli Romani, che ospita bellezze naturalistiche e testimonianze artistiche e storico-architettoniche.
A inaugurare lo ‘Spazio Attivo Zagarolo LOIC’, Lazio Open Innovation Centre, è stato il presidente della Regione Nicola Zingaretti in compagnia di alcuni sindaci della zona, fra cui quello di Zagarolo Lorenzo Piazzai. “Il Lazio è la regione italiana che maggiormente investe nell’innovazione. Nel 2013 le start up erano 49, al momento sono oltre il migliaio”, è stato il vanto di Zingaretti, che ha aggiunto l’importante particolare sulla “crescita del Prodotto Interno Lordo, ormai arrivato al secondo posto della nazione”, alle spalle della sola Lombardia. “Queste iniziative aumentano la ricchezza, generano occupazione, anche attraverso nuove professioni e sostengono lo sviluppo”.
‘Spazio attivo’ oltre i confini della Città Eterna “per cercare di portare l’amministrazione regionale vicino a ogni realtà, alle esigenze dei territori e delle comunità”, ha rilevato l’assessore allo Sviluppo Economico Gian Paolo Manzella. Infatti, prima di quello di Zagarolo, erano state avviate iniziative a Roma ‘Casilina’; Roma ‘Tecnopolo’; Bracciano; Civitavecchia; Colleferro; Ferentino; Latina; Rieti e Viterbo. Gli spazi consentono la collaborazione fra progettazione e creatività. Competenze tecnologiche, produttive, economiche e commerciali, in modo da garantire soluzioni alle esigenze di sviluppo del territorio e sostenere la nascita e il consolidamento di start up innovative.
Lo ‘Spazio Attivo’ di Zagarolo ospita un’area multifunzionale per l’organizzazione di showroom e per eventi di networking; info desk; una sala per incontri con specialisti ed esperti italiani e internazionali su tematiche digitali e di open innovation; luoghi arredati e cablati anche per la formazione, convegni e riunioni e installazioni per valorizzare la storia, la tradizione e le bellezze del Palazzo. Lo spazio FabLab è dotato di attrezzature e tecnologie innovative, in cui maker, designer e studenti, non solo potranno realizzare prototipi e oggetti, ma anche imparare partecipando a corsi e workshop gratuiti sulla progettazione e la programmazione.
Il sindaco di Zagarolo Lorenzo Piazzai ha sottolineato come
il riferimento di Palazzo Rospigliosi, ormai prossimo alla completa ristrutturazione e che in un’ala ospita il suggestivo Museo del Giocattolo, è chiamato a diventare un punto strategico per “l’intera comunità dell’hinterland romano in un clima di assoluta cooperazione e di integrazione con gli altri spazi della regione per una crescita occupazionale, artigianale, economica e di opportunità, in particolare per i giovani” e i frequentatori delle classi degli istituti scolastici locali. A Palazzo Rospigliosi, fra l’altro, ha trovato posto il Sistema Bibliotecario Prenestino e la Centrale del Trasporto Pubblico Locale.

Condividi

Lascia un commento

Attualità

Un mare di avventure

Giunti Scuola ha consegnato a tremila classi delle elementari un kit ludico-informativo sulla riscoperta, la salvaguardia e la valorizzazione della preziosa risorsa del pianeta con le storie di Lupa Marina. La replica da settembre Condividi

Condividi
Read More
Attualità

Una lavanderia nel sottovia

Straordinaria scoperta durante i lavori per la pedonalizzazione di piazza Pia fra Castel Sant’Angelo e via della Conciliazione. Sarà smontata e collocata nei vicini giardini. I tempi della fine degli interventi dovrebbero essere rispettati Condividi

Condividi
Read More
Attualità

La Strada della Contessa

Riattivato in anticipo il collegamento terra-mare fra l’Umbria e le Marche della Statale 452 chiuso per otto mesi per interventi di riqualificazione. Iniziative per rivitalizzare l’economia, il turismo e il commercio delle realtà da Gubbio all’Adriatico Condividi

Condividi
Read More