Diete anticaldo

Le insolite temperature nelle zone del centro-sud della nostra penisola di questa estate 2023 condizionano anche le abitudini alimentari

 

Una penisola separata, spaccata in almeno un paio di condizioni assolutamente diverse e contrapposte come capita su numerose questioni e situazioni e, nell’occasione, anche climatologicamente. In quasi tutte le zone del settentrione del nostro Paese sembra tornata la stagione invernale con violenti acquazzoni, raffiche di vento e incredibili grandinate e un centro-sud africanizzato con temperature ben al di sopra delle medie stagionali.
I cambiamenti climatici più volte annunciati dagli esperti e puntualmente verificati e sopportati condizionano inevitabilmente anche le abitudini e le necessità alimentari, soprattutto nelle aree dove il caldo nelle ore centrali delle giornate diventa opprimente.
Le indicazioni sono offerte dai nutrizionisti, dai dietisti, insomma da chi è in grado di consigliare le opportune soluzioni per soddisfare gli appetiti e sanare l’integrazione di liquidi, sali minerali e vitamine. La sudorazione aumenta e l’organismo deve essere rigenerato e refrigerato. In un decalogo il dietista Giulio Gaudio, operativo a Roma, ha evidenziato le scelte più utili a fronteggiare questo tipo di temperature in continua e costante salita nell’arco delle giornate. Consigliabile consumare frutta e verdure fresche, di stagione, in particolare anguria, melone, cetrioli, vegetali a foglia verde e pomodori, tutti alimenti poco ingombranti e, quindi, facilmente digeribili e ricchi di acqua e minerali che evitano la disidratazione, l’affaticamento e i relativi e spiacevoli crampi muscolari. L’acqua, possibilmente naturale e il the freddo senza zucchero, sono le bevande consigliate, come le insalate verdi, ma anche di riso, di pasta e di farro; le zuppe contenenti vitamine e antiossidanti e i frullati di frutta di stagione con l’aggiunta di cubetti di ghiaccio per essere maggiormente rinfrescanti.
L’alternativa e non l’appendice è il gelato, altra eccellenza alimentare del Made in Italy. Il presidente della SISA, la Società Italiana di Scienze dell’Alimentazione, Silvia Migliaccio ha indicato quello artigianale come una possibile soluzione per allettare anche il palato dalla calura di questa stravagante estate 2023. “Il gelato artigianale con ingredienti genuini e freschi potrebbe diventare anche il sostituto del pasto di metà giornata, in quanto sono contenuti importanti elementi, fra cui lattosio, saccarosio, sali minerali, grassi, proteine e vitamine e offre disponibilità energetiche ed è di facile assorbimento”. E il campionario è sempre maggiormente esteso per il crescente imbarazzo della scelta.
Nell’immediato hinterland della capitale, a Cocciano, a pochi passi da Frascati, ai Castelli Romani, il maestro gelatiere Roberto Troiani ha proposto negli anni soluzioni innovative anche all’estero, ai ristoratori, agli operatori del catering e al ‘Vinitaly’ di Verona, in quanto erano utilizzati i mosti di alcune uve. Ingredienti naturali, ovviamente, anche per questa stagione rovente, almeno nelle regioni del centro e del meridione del nostro Paese. Varie le proposte, che vanno dal sorbetto di more e cesanese a quello di pesche e sciroppo di fiori di sambuco; dalla congiunzione di lampone, menta e merlot alla miscela di prosecco, arancia e zenzero fino al mix con le pesche, oltre alle esposizioni tradizionali, fra cui con mele e pistacchi.

Condividi

Lascia un commento

Attualità

Un mare di avventure

Giunti Scuola ha consegnato a tremila classi delle elementari un kit ludico-informativo sulla riscoperta, la salvaguardia e la valorizzazione della preziosa risorsa del pianeta con le storie di Lupa Marina. La replica da settembre Condividi

Condividi
Read More
Attualità

Una lavanderia nel sottovia

Straordinaria scoperta durante i lavori per la pedonalizzazione di piazza Pia fra Castel Sant’Angelo e via della Conciliazione. Sarà smontata e collocata nei vicini giardini. I tempi della fine degli interventi dovrebbero essere rispettati Condividi

Condividi
Read More
Attualità

La Strada della Contessa

Riattivato in anticipo il collegamento terra-mare fra l’Umbria e le Marche della Statale 452 chiuso per otto mesi per interventi di riqualificazione. Iniziative per rivitalizzare l’economia, il turismo e il commercio delle realtà da Gubbio all’Adriatico Condividi

Condividi
Read More