Una festa per il bio

Incontri e degustazioni all’Acquario Romano nella giornata utile a sostenere un maggior consumo di prodotti naturali e di qualità

 

La ‘Festa del Bio’ all’Acquario Romano. Incontri, confronti, approfondimenti da parte degli esperti di ogni livello e professione su tutti gli aspetti del settore, ma anche degustazioni dei prodotti offerti dalle aziende specializzate. I molteplici interventi previsti dall’intenso programma sono stati coordinati alternativamente dal gruppo composto da Laura Gobbi, dalla cuoca pop della TV Luisanna Messeri e dallo scrittore, autore e conduttore del piccolo schermo Patrizio Roversi.
La giornata è iniziata con il protocollo d’intesa sottoscritto dalla Città Metropolitana di Roma e da FederBio per lo sviluppo dell’iniziativa ‘Comuni Amici del Bio’ e della produzione del settore nell’area della capitale e dell’allargato hinterland. ‘La cura del suolo cura anche la siccità’ con gli interventi gestiti dalla giornalista Chiara Paduano; ‘Un’agricoltura per il futuro del pianeta’; ‘Come affrontare la crisi climatica a colpi di bio’; ‘Allevamenti, se sono biologici curano il benessere animale, l’ambiente e la salute umana’; ‘Come affrontiamo la crisi climatica a colpi di bio’ con il coordinamento del ricercatore dell’ENEA Gian Maria Sannino e ‘Tutti i colori della cucina amica dell’ambiente’, sono stati i temi affrontati nelle sezioni che hanno scandito l’appuntamento romano.
FederBio, che ha promosso una serie di incontri su tutta la nostra penisola, è guidata dalla toscana della provincia di Arezzo Maria Grazia Mammuccini, impegnata nell’azienda vitivinicola e olivicola, naturalmente a produzione biologica. La Federazione ha iniziato la promozione delle particolari coltivazioni e l’organizzazione di manifestazioni per sensibilizzare anche la pubblica opinione sul consumo di prodotti biologici nel 1992. È riconosciuta come rappresentanza istituzionale di settore in occasione di incontri con le amministrazioni regionali e nazionali. FederBio, fra l’altro, raggruppa la quasi totalità dei riferimenti del settore, ha un Comitato Scientifico e ha varato un Codice Etico vincolante per tutti gli associati, in modo da garantire la correttezza dei comportamenti, che, comunque, sono periodicamente verificati soprattutto per l’applicazione degli standard previsti.
In Italia la superficie coltivata a biologico è per estensione la terza in Europa. Ormai quasi un/quarto delle aziende agricole è coinvolta in questo tipo di coltivazioni, anche se la maggior parte sono micro e piccole con appezzamenti di terreno non particolarmente rilevanti. Roma, la capitale del nostro Paese, è il comune agricolo più ampio d’Europa e all’Acquario Romano, per la ‘Festa del Bio’, era rappresentato dall’assessore Sabrina Alfonsi. La responsabile all’Ambiente, all’Agricoltura e al Ciclo dei Rifiuti, ha sottolineato la presenza di aziende che sul territorio coltivano bio con un collegamento ravvicinato fra produttore e consumatore anche attraverso i cosiddetti ‘mercati contadini’. “A Roma, poi, sono allestiti gli ‘orti urbani’ e il Campidoglio sembra intenzionato a proporre l’assegnazione di alcune aree per poter essere curate e coltivate in modo biologico”.
Aumenta la sensibilità, l’attenzione, le richieste e il consumo di prodotti bio da parte degli italiani. Al cospetto di questa situazione i locali, in particolare bar e ristoranti, sono stati reattivi per un opportuno adeguamento un po’ per convinzione e un po’ per necessità commerciale ed economica. La FederBio ha anche ribadito l’importanza di servire nelle mense scolastiche piatti preparati con ingredienti di stagione e senza pesticidi o altri additivi chimici eventualmente utilizzati nelle coltivazioni agricole. È inevitabile, poi, la ripercussione sugli allevamenti.
Uno spazio, oltre agli stand, è stato dedicato a ‘Il ruolo dell’agricoltura biologica nella tutela degli impollinatori’. L’incontro, promosso dal WWF, è stato coordinato da Lorenzo Misuraca, giornalista del periodico ‘Il Salvagente’. La rassegna ha visto anche un momento fotografico, ‘Bio intorno a te’; una gara culinaria fra un paio di istituti alberghieri, il ‘Giuseppe Di Vittorio’ di Ladispoli e il ‘Pellegrino Artusi’ di Roma con Manuel Orsini ed Elena Sofia e alcune iniziative dedicate ai più piccoli con il ‘Baby Bio Park’.

Condividi

Lascia un commento

Attualità

La grandine sulle assicurazioni

L’innovazione tecnologica e i cambiamenti climatici che condizionano le proposte delle compagnie sono stati all’ordine del giorno del convegno organizzato a Roma da Fleet&Mobility Condividi

Condividi
Read More
Attualità

Premiazioni a L’Aquila

Presentata al Ministero di via del Collegio Romano una iniziativa promossa dal Comune. Tre le sezioni dedicate a Panfilo Gentile, a Stefano Vespa e a Gioacchino Volpe. La città abruzzese è candidata come ‘Capitale della Cultura’. Condividi

Condividi
Read More
Attualità

La terapia è nel piatto

Pubblicato un volume per il progetto ‘Fabry’s Kitchen’. L’importanza dell’alimentazione nella malattia rara molte volte diagnosticata anni dopo i primi sintomi. In alcune regioni già è possibile lo screening preventivo Condividi

Condividi
Read More