La creatività e la tradizione

Accordo fra le associazioni dei Marchi Storici e del Disegno Industriale per la promozione anche internazionale del Made in Italy

 

Promuovere e valorizzare il design in tutti i settori produttivi. In pratica il Made in Italy da mostrare e sostenere sulla nostra penisola e anche da rafforzare ed esaltare a livello internazionale. È l’obiettivo dell’intesa sottoscritta fra l’Associazione dei Marchi Storici d’Italia e quella per il Disegno Industriale, l’ADI. L’accordo è stato formalizzato e ufficializzato a Roma, in una sala dell’Adnkronos, dal presidente e dal direttore dell’Associazione dei Marchi Storici d’Italia Massimo Caputi e Rocco Orefici e dal vertice dell’ADI Luciano Galimberti e da quello del Lazio Marika Aakesson.
Una decina gli indirizzi previsti dal documento, che riguardano il design per l’abitare, per la mobilità, per il lavoro, per la persona, per i servizi, per il sociale, per la comunicazione, la ricerca per le imprese, il food e i materiali dei settori tecnologici. Questi settori saranno associati all’internazionalizzazione con altre strutture di promozione della creatività, degli interessi e degli assetti in gran parte del pianeta e all’informazione che offrirà visibilità alle iniziative delle due associazioni attraverso anche i rispettivi canali.
“È un modo per alimentare il talento italiano nella consapevolezza del valore che apporta sia nel nostro Paese che, in generale, nel mondo. La creatività del Made in Italy rende la produzione inimitabile”, ha rilevato Massimo Caputi. Da parte sua Luciano Galimberti ha ricordato che “il design è fondamentale in ogni punto della filiera produttiva, della scelta dei materiali e dei rapporti” con le aziende e i consumatori. L’accordo, fra l’altro, “favorisce la reciproca conoscenza e l’arricchimento della cultura condivisa da progettisti e produttori. Una collaborazione che, nel sostenere il confronto e lo scambio delle esperienze, conforta per aver intrapreso la giusta strada per promuovere con efficacia” e probabilmente con efficienza “il Made in Italy. L’Associazione dei Marchi Storici d’Italia sono un elemento di continuità che ha svolto proprio questo compito e anche ADI è un marchio storico”.
L’Associazione per il Disegno Industriale è operativa dal 1956 e rappresenta le idee e gli interessi del comparto italiano. È riferimento per progettisti, imprese, distributori, ricercatori, storici, critici, autori, scrittori, istituti scolastici e case editrici. La sollecitazione è rivolta allo sviluppo del disegno industriale come sistema culturale ed economico per migliorare lo sviluppo responsabile e sostenibile anche delle condizioni esistenziali. Nell’Associazione è inserita anche la Fondazione ADI Compasso d’Oro, che gestisce ADI Design Museum di Milano e la società di servizi ADIper. Ha collegamenti e collaborazioni con le istituzioni susba livello locale che nazionale per la promozione oltre i confini. È componente del BEDA, il Bureau of European Design Association. È impegnata nell’organizzazione del ‘Compasso d’Oro’, il noto riconoscimento destinato e riservato ai disegnatori italiani.
L’Associazione dei Marchi Storici d’Italia è stata costituita nel giugno del 2021. È l’unica realtà rappresentativa delle aziende iscritte al Registro Speciale del Marchio Storico di interesse nazionale del Ministero delle Imprese e del Made in Italy. L’Associazione è chiamata a sostenere l’importanza dei marchi storici, la competitività e l’internazionalizzazione attraverso l’unione e la collaborazione anche fra le aziende e le amministrazioni pubbliche.

Condividi

Lascia un commento

Attualità

Un mare di avventure

Giunti Scuola ha consegnato a tremila classi delle elementari un kit ludico-informativo sulla riscoperta, la salvaguardia e la valorizzazione della preziosa risorsa del pianeta con le storie di Lupa Marina. La replica da settembre Condividi

Condividi
Read More
Attualità

Una lavanderia nel sottovia

Straordinaria scoperta durante i lavori per la pedonalizzazione di piazza Pia fra Castel Sant’Angelo e via della Conciliazione. Sarà smontata e collocata nei vicini giardini. I tempi della fine degli interventi dovrebbero essere rispettati Condividi

Condividi
Read More
Attualità

La Strada della Contessa

Riattivato in anticipo il collegamento terra-mare fra l’Umbria e le Marche della Statale 452 chiuso per otto mesi per interventi di riqualificazione. Iniziative per rivitalizzare l’economia, il turismo e il commercio delle realtà da Gubbio all’Adriatico Condividi

Condividi
Read More