Preferenze commerciali

Vendite al dettaglio o ordinazioni on-line? Approfondimento sui graduali cambiamenti delle abitudini degli italiani

L’ultimo dato disponibile segnala un giro d’affari di 24 miliardi di euro, il 5,7% del totale degli acquisti, con una crescita, al momento, del 28%. L’impatto delle e-commerce sulle vendite nei negozi tradizionali è stato il filo conduttore del convegno promosso nella capitale da La Società del Marketing Lab, che ha reso noto anche i dati relativi a una indagine chiamata ‘È un dettaglio, ma non sparirà’.
Gli esperti hanno separato equamente il cartellone, come una volta nelle classi scolastiche erano spartiti i calmi e gli irrequieti. Insomma, pregi e difetti delle realtà, quella tradizionale e l’altra, innovativa. La ricerca è stata articolata in un poker di incontri diluiti fra febbraio e settembre del 2018 con la partecipazione degli operatori del settore, in particolare i vertici delle aziende sia italiane che internazionali, coordinati da Pier Luigi Del Viscovo e Alessandro Palumbo delLa Società del Marketing Lab.
Tre le categorie analizzate sui punti di forza e debolezza dei negozi cosiddetti ‘tradizionali’; sull’impatto dell’e-commerce e sulle possibili soluzioni in merito all’assortimento, agli spazi, ai costi, ai rifornimenti; allo shopping; al confronto e alla prova dei prodotti; informazioni e consulenza; prezzi e trattative; logistica e distanza; orari e trasporti delle merci e le relative consegne.
Il pronto recapito e il relativo utilizzo a immediata soddisfazione della necessità è uno degli aspetti maggiormente positivi per gli esercenti costantemente a personale contatto con i clienti. Dalla stessa parte c’è la possibilità della prova, della scelta, dell’eventuale sostituzione e, per il commerciante, l’immediato incasso. Non sono pochi quelli che utilizzano o sfruttano il negozio come fosse un luogo da esposizione per la scelta, la verifica dei tessuti, dei modelli e della taglia con susseguente acquisto sulla rete, comodamente seduti in poltrona, dopo aver constatato l’abbattimento dei costi e il diretto ricevimento della merce alla propria abitazione nell’arco di pochi giorni. E le ordinazioni possono essere effettuate in qualsiasi momento della giornata e della… nottata. Questo aspetto, naturalmente, avvantaggia il commercio on-line e il potenziamento delle società in grado di soddisfare internazionalmente le richieste, che sono sempre più numerose in quasi tutti i settori merceologici disponibili.
Le imprese italiane, la stragrande maggioranza micro, piccole e medie, sono in evidente sofferenza a fronteggiare il nuovo sistema. Gli esperti ritengono che siano indispensabili e inevitabili alcune novità, ammodernamenti, possibilità di essere riferimento di consegna e cambio anche per articoli acquistati telematicamente e con un magazzino ampliato e rifornito. Negozi che dispongono del qualificato e specializzato personale per l’assistenza ai clienti. “Nel negozio sono vendute anche sensazioni”, hanno rilevato alla Confesercenti, soprattutto, “è un dettaglio, ma non sparirà’.

Condividi

Lascia un commento

Attualità

La Strada della Contessa

Riattivato in anticipo il collegamento terra-mare fra l’Umbria e le Marche della Statale 452 chiuso per otto mesi per interventi di riqualificazione. Iniziative per rivitalizzare l’economia, il turismo e il commercio delle realtà da Gubbio all’Adriatico Condividi

Condividi
Read More
Attualità

Spesa pubblica e divario sociale

L’autonomia regionale differenziata è stata analizzata durante l’incontro promosso nella capitale all’Accademia Nazionale dei Lincei di Palazzo Corsini da economisti e docenti universitari Condividi

Condividi
Read More
Attualità

I progetti del PNRR

Approfondimento sulle risorse disponibili e sulle scadenze per la realizzazione con i rappresentanti delle istituzioni, delle amministrazioni pubbliche locali e delle Imprese Condividi

Condividi
Read More