L’arte condivisa

Cinquanta opere della Galleria Borghese sono esposte a Palazzo Barberini per tre mesi fino alla conclusione degli interventi di riqualificazione finanziati dal PNRR, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Una cinquantina di opere della Galleria Borghese sono esposte fino al prossimo 30 giugno a Palazzo Barberini di via delle Quattro Fontane, a Roma. L’inedita collaborazione consente agli interessati di continuare a scoprire e ad ammirare il prezioso patrimonio artistico nelle Gallerie Nazionali di Arte Antica nel corso degli interventi di riqualificazione degli spazi di Villa Borghese sostenuti dalle risorse del PNRR, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. “I lavori cambieranno l’aspetto della Pinacoteca al primo piano della palazzina, ma nonostante questi interventi la Galleria non chiude e resta visitabile”, ha rilevato la direttrice Francesca Cappelletti. Infatti dopo il restauro delle facciate la ristrutturazione prevede la sostituzione delle tappezzerie e l’ammodernamento degli infissi per un miglioramento energetico, l’ampliamento dell’accessibilità culturale, l’aggiornamento dei depositi e il restauro di alcune grandi tele.
Le opere sono esposte nell’Ala Sud’ del piano nobile di Palazzo Barberini, che favorirà, nel contempo, “una approfondita campagna fotografica e di conservazione preventiva delle testimonianze solitamente in mostra, riguardanti il Seicento napoletano, la collezione settecentesca, i pittori del Grand Tour e le realizzazioni di Mattia Preti”, ha ricordato Thomas Clement Salomon, direttore delle Gallerie Nazionali di Arte Antica. L’intesa è stata sospinta soprattutto dal comune interesse “per il barocco romano e dalle numerose testimonianze nel rapporto fra Scipione Borghese e Maffeo Barberini dovuto alla accertata passione per le arti con il conseguente ripetuto coinvolgimento dell’abilità di Gian Lorenzo Bernini, che fra il 1618 e il 1625 ha realizzato i celebri gruppi scultorei visibili nella Galleria”. I nuovi depositi dello spazio espositivo di Villa Borghese saranno una vera e propria quadreria e favorirà l’accessibilità e assicurerà la flessibilità e l’ottimale conservazione delle opere. “Uno scrigno di tesori normalmente celato e che, invece, sarà mostrato allo sguardo dei visitatori”, fra appassionati, esperti e anche semplici curiosi.
In mostra alcune importanti produzioni artistiche come, fra l’altro, ‘Ritratto d’uomo’ di Antonello da Messina; la ‘Madonna col Bambino’ di Giovanni Bellini; ‘Autoritratto in età giovanile’ di Gian Lorenzo Bernini; la ‘Madonna con Bambino, San Giovannino e angeli’ di Sandro Botticelli; ‘Leda’ di Leonardo da Vinci; ‘Allegoria mitologica’ e ‘I santi Cosma e Damiano’ di Giovanni Luteri meglio conosciuto come ‘Dosso Dossi’;
‘Ritratto d’uomo’ di Francesco Mazzola detto il ‘Parmigianino’; la ‘Dama con liocorno’ e ‘San Giovanni Battista’ di Raffaello Sanzio; ‘Susanna e i vecchioni’ di Peter Paul Rubens; ‘Amor sacro amor profano’, ‘Cristo flagellato’ e ‘Venere che benda Amore’ di Tiziano Vecellio.
La provvisoria e momentanea condivisione fra i due musei romani consente anche una agevolazione nell’acquisto dei ticket. Il costo per l’ingresso alla Galleria Borghese è ridotto a 11 euro con la possibilità di visitare le Gallerie Nazionali di Arte Antica con altri 5 euro. In pratica l’esplorazione completa costa 16 euro invece di 26 euro. Porte aperte a Palazzo Barberini dal martedì alla domenica nella fascia oraria compresa dalle 10 alle 19. Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese. Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese, il 25 aprile e il 2 giugno ed è consigliata la prenotazione.

Condividi

Mostre

I palcoscenici d’un tempo

‘Teatro. Autori, attori e pubblico nell’Antica Roma’ è l’originale esposizione allestita al Museo dell’Ara Pacis’ con numerose testimonianze, fra reperti, ricostruzioni video e strumenti musicali Condividi

Condividi
Read More
Mostre

Le star del bianco e nero

Mostra fotografica su ‘Victor Peters. Timeless Time’ a Roma nelle sale di Palazzo Bonaparte con i protagonisti internazionali del cinema, che può essere ammirata fino al prossimo 25 agosto Condividi

Condividi
Read More
Mostre

Visioni mediterranee

Alla Casa-Museo ‘Hendrik Christian Andersen’ di Roma la mostra con la produzione del siciliano Giuseppe Modica con protagonista il ‘Mare Nostrum’ e i dipinti diventati copertine di libri, fra cui anche di Leonardo Sciascia Condividi

Condividi
Read More