Connessioni innovative

Sesto appuntamento con il tema del ‘5G&Co.’ promosso e organizzato al Palazzo delle Esposizioni di Roma dal CNIT, il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni

5G, insieme di tecnologie di telefonìa mobile e cellulare i cui standard definiscono un’evoluzione da quinta generazione con un significativo miglioramento rispetto alla precedente. L’opportunità planetaria risale al 2019 ed è in grado di offrire velocità e connessioni più costanti e una migliore capacità se riferite al passato. L’attuale situazione e soprattutto l’imminente futuro sono stati analizzati e approfonditi nel corso di una due-giorni promossa e organizzata dal CNIT, il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni, al Palazzo delle Esposizioni di Roma dai rappresentanti delle compagnie telefoniche, delle istituzioni, delleh amministrazioni pubbliche locali, della didattica, della ricerca, degli operatori e degli esperti del settore.
La serie degli interventi dell’appuntamento romano è stata aperta da Nicola Blefari Melazzi, presidente del Consorzio no-profit, fra l’altro, riconosciuto dal MIUR, il Ministero dell’Università e delle Ricerche, che ha sottolineato come “il valore di internet è in costante aumento del 15% annuo senza mostrare segni di rallentamento, ma la quota di mercato e i ricavi dei fornitori di connettività e degli abilitatori tecnologici diminuiscono a favore degli OTT, degli hyperscaler a favore degli OTT e degli hyperscaler, che attualmente possiedono e operano anche con infrastrutture di rete. Una larga percentuale di collegamenti intercontinentali, ampie aree delle sezioni di distribuzione e server all’interno delle reti di accesso e spesso offrono direttamente i rispettivi servizi agli  utenti finali”.
a favore degli OTT e degli hyperscaler, che attualmente possiedono e operanoFoto: 5G&Co. anche con infrastrutture di rete. Una larga percentuale di collegamenti intercontinentali, ampie aree delle sezioni di distribuzione e server all’interno delle reti di accesso e spesso offrono direttamente i rispettivi servizi agli  utenti finali”.
Per Nicola Blefari Melazzi, con il riferimento ‘Every thing Is connected’, sono necessari “investimenti per la rete fissa, per completare la copertura radio 5G e per realizzare la rete standalone. E mancano ancora dispositivi di utente realmente innovativi e, in misura minore, servizi e applicazioni significativamente nuovi. La vera innovazione è nella funzionalità”. Necessario anche “un consolidamento e una collaborazione fra gli operatori, un miglioramento della legislazione e della regolamentazione”, valore e offerte di servizi evoluti, ulteriori “soluzioni di connettività comprese le reti private e quelle indoor e un progresso tecnico”.
All’incontro parallelo, uno istituzionale con enti, amministrazioni pubbliche locali e imprese e, l’altro, tecnologico, hanno offerto il rispettivo contributo il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’innovazione Tecnologica Alessio Butti e il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, che ha rilevato la prossima disponibilità del 5G sull’intero territoriale comunale. La capitale, così, “sarà una delle poche città al mondo a poter vantare la Foto: 5G&Co.disponibilità per una simile opportunità rivolta a tutti gli operatori mobili”.
Quando saranno completate le fasi è probabile “assistere a una esplosione nell’uso del G5, che comincia ad avvenire e a creare il nuovo ecosistema digitale e intelligente”, ha sostenuto il presidente del Consorzio Nicola Blefari Melazzi. Al momento “c’è un divario fra l’offerta dei servizi di telecomunicazione e le esigenze dei ‘verticali’, che riguardano ospedali, società di gestione, metropolitane o un’industria automatizzata, difficile da colmare a costi contenuti”. Il gap “potrebbe essere il principale problema, ma anche una grande opportunità di sviluppo per creare applicazioni e valore nel nostro Paese”.

Condividi

Attualità

Un mare di avventure

Giunti Scuola ha consegnato a tremila classi delle elementari un kit ludico-informativo sulla riscoperta, la salvaguardia e la valorizzazione della preziosa risorsa del pianeta con le storie di Lupa Marina. La replica da settembre Condividi

Condividi
Read More
Attualità

Una lavanderia nel sottovia

Straordinaria scoperta durante i lavori per la pedonalizzazione di piazza Pia fra Castel Sant’Angelo e via della Conciliazione. Sarà smontata e collocata nei vicini giardini. I tempi della fine degli interventi dovrebbero essere rispettati Condividi

Condividi
Read More
Attualità

La Strada della Contessa

Riattivato in anticipo il collegamento terra-mare fra l’Umbria e le Marche della Statale 452 chiuso per otto mesi per interventi di riqualificazione. Iniziative per rivitalizzare l’economia, il turismo e il commercio delle realtà da Gubbio all’Adriatico Condividi

Condividi
Read More