Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Originale esposizione all''Art Forum' di Capena, nell'hinterland romano, con le opere della collezione di Reinhold Wurth

Trentacinque realizzazioni di ventiquattro artisti di fama e produzione internazionale sono in bellamostra negli spazi del moderno Centro Logistico del Gruppo Wurth di Capena, riferimento nell'hinterland della capitale. Abbelliscono e arricchiscono l''Art Forum' nell'ambito dell'esposizione '[E]motion. Op Art, Arte Cinetica e Light Art nella Collezione Wurth'. Tutte le creazioni ammirabili dai visitatori, griffate fra il 1953 e il 2012, arrivano dall'imponente e variegata proprietà promossa e organizzata all'inizio degli anni Novanta da Reinhold Wurth. Il prima taglio del nastro, al Museo 'Adolf Wurth' dedicato al fondatore dell'azienda tedesca, risale al 1991 a Kunzelsau, base e ancora faro dell'attività. E, poi, via-via sono seguiti quello al Museo 'Wurth' e la Hirschwirtscheuer, alla Kunsthalle Wurth e la Johanniterkirche a Schwabisch Hall e a una decina di gallerie in altrettante aziende europee coinvolte nell'attività commercialmente espansiva della società tedesca in Austria, Danimarca, Francia, Italia, Norvegia, Olanda, Spagna e Svizzera. Wurth che sollecita anche i propri dipendenti al progressivo avvicinamento alla produzione artistica e culturale suggestiva e di alta qualità. Nel programma risultano anche mostre fotografiche che hanno riguardato percorsi illustrativi e guidati, fra l'altro, per gli studenti e nuclei familiari. Almeno 18 mila e 300 le opere raccolte e custodite dalla Collezione Wurth, di cui alcune dislocate nelle varie strutture di tutta Europa. Lavori composti fra la fine dell'Ottocento e gli anni del Terzo Millennio con metodi, stili, temi e materiali diversi, ma uniti dall'essere racchiusi nel capitolo di 'arte contemporanea' a disposizione gratuitamente di appassionati, esperti e anche semplici curiosi.
Nei due piani dell''Art Forum Wurth' di Capena i protagonisti sono, in rigido ordine alfabetico, Yaacov Agam, Josef Albers, Alexander Calder, Omar Carreno, Carlos Cruz-Diez, Lucio Fontana, Karl Gerstner, Gun Gordillo, Hans Hartung, Auguste Herbin, Patrick Hughes, Norbert Huwer, Robert Jacobsen, Frantisek Kupka, Clyde Lynds, Francois Morellet, Dario Perez-Flores, Lothar Quinte, Niki de Saint Phalle, Jesus Rafael Soto, Anton Stankowski, Jean Tinguely, Gunther Uecker e Victor Vasarely. Il percorso artistico inizia dal piano sottostante a quello stradale e, in particolare, dal pittore ceko Frantisek Kupka autore nel 1953 di un'opera geometrica, 'La rete malva'. Immancabile l'interesse per il rapporto fra lettere e forme esaltato nell'alfabetico geometrico del francese Auguste Herbin e per la profondità e per il rilievo attraverso l'accostamento di colorì proposto da Josef Albers.
Suggestionati le straordinarie 'prospettive inverse' dell'inglese Patrick Hughes nei cinque oli di diverse forme, colori e dimensioni per un mix di matematica, fisica e scienza. Paesaggi che appaiono in movimento rispetto al punto di osservazione, alla posizione visiva del visitatore. Movimento e staticità sono le caratteristiche dell'iniziativa anche con l'utilizzo e il sostegno dell'energia elettrica. Nelle sale sono da ammirare alcune sculture, fra cui quella del danese Robert Julius Tommy Jacobsen e dell'americano Clyde Lynds. Poliestere, vernice, rottami di ferro e motore elettrico sono i componenti assemblati nella voluminosa 'L'illuminazione' del 1988 dalla coppia franco-elvetica composta da Catherine Marie-Agnes Fal de Saint Phalle e da Jean Tinguely. Alfred Hrdlicka, invece, ha creato in bronzo il profilo di Reinhold Wurth.
L'esposizione, curata con il coordinamento di Valentina Spagnuolo, è affiancata dal catalogo pubblicato da Swiridoff. La prefazione è stata affidata a C. Sylvia Severe a Beate Elsen-Schwedler della Collezione Wurth e l'approfondimento allo storico dell'arte Werner Spies, ex direttore del Centre 'Georges Pompidou' di Parigi. '[E]motion. Op Art, Arte Cinetica e Light Art' può essere gratuitamente ammirata nella struttura di viale della Buona Fortuna, a Capena, dal lunedì al venerdì nella fascia oraria oscillante fra le 10 e le 17 fino all'8 ottobre del 2022. Il sabato porte aperte esclusivamente per laboratori creativi ed eventi. E, in relazione all'attuale situazione causata dal temibile Covid-19, l'ingresso deve essere obbligatoriamente richiesto digitando lo 06/90103800 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pin It