Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

Una ventina di attori filmati per un corto di Francesco Malavenda durante il 'Distanziamento sociale'

Oltre due mesi di clausura domestica a causa del Coronavirus hanno concimato l'artistica fantasia degli italiani, che hanno promosso e organizzato iniziative di ogni tipo per assorbire nel migliore dei modi le ore quotidiane. Fantasia al vertice degli interessi fra attività di sperimentazioni e di approfondimenti. Originalità e consolidamenti, alla continua e costante ricerca di specializzazioni, poi più o meno riuscite.
E, allora, sfruttando gli attuali e aggiornati meccanismi tecnologici sono stati allestiti e attrezzati corsi di cucina, operazioni da 'pollice verde', sedute ginniche, rappresentazioni impegnate e scenette brillanti, sketch comici, personificazioni classiche, esibizioni sonore e canore, lezioni e gare di ballo ed evoluzioni straordinarie, impensabili e, quindi, in ogni caso strepitose. La maggior parte, fra l'altro, sono state immortalate anche a futura memoria, testimonianza per i posteri, sempre sfruttando gli innovativi sistemi offerti dalla tecnologia.
Alla conclusione dell'isolamento casalingo è arrivato l'inevitabile momento del raggruppamento, della catalogazione e dell'eventuale sistemazione del materiale prodotto. È la fase della ricostruzione artigianale o di un montaggio maggiormente professionale.
 Comun denominatore oscillante fra l'amicizia e la solidarietà. Insomma, sentimenti e valori positivi, di unione. È il caso di un corto, 'Distanziamento sociale', firmato da Francesco Malavenda. Protagonisti del divertente e ironico filmato una ventina di attori, ripresi nel periodo di clausura nelle rispettive residenze. Al puzzle cinematografico, visibile sulla rete, hanno collaborato, in rigido ordine alfabetico, Emy Bergamo, Claudia Conte, Stefania Corona, Anna Rita Del Piano, Carmine Faraco, Gianluca Fubelli, Gegia, Antonio Giuliani, Paola Lavini, Antonio Lo Cascio, Stefano Masciarelli, Maurizio Mattioli, Gigi Miseferi, Franco Neri, Andrea Paris, Carmen Russo, Francesco Testi, Enzo Paolo Turchi e Alvaro Vitali.
Una trama caratterizzata, comunque, dalla spensieratezza per lo spettatore, affrontando in maniera leggera, in alcuni casi scanzonata, il periodo da Covid-19, che in tante aree del nostro Paese ha scatenato dolori e drammi. "Alla testimonianza di voler tornare sul set" hanno collaborato il dronista Davide Granelli, il montatore Emiliano Del Frate e il musicista Tony De Simone.

Categoria: Cinema