Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

'Fly future'. All'Università Europea di Roma due giorni dedicati per gli interessati del settore civile e anche spaziale

 

Appassionati al volo al di sotto e anche al di là dell'atmosfera terrestre a raccolta il 23 e il 24 maggio all'Università Europea di Roma per partecipare a 'Fly Future', il primo importante appuntamento sulla nostra penisola dedicato esclusivamente agli interessati del particolare settore. L'iniziativa è promossa dall'associazione Ifimedia in collaborazione con Mediarké e lo stesso ateneo di via degli Aldobrandeschi e con il riconoscimento, fra gli altri, del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile; dell'ENAC, l'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile; dell'ASI, l'Agenzia Spaziale Italiana; dell'ANSV, dell'Associazione Nazionale per la Sicurezza del Volo e dell'AOPA, l'Aircraft Owners and Pilots Association, la struttura che difende i diritti e gli interessi dei piloti di aviazione generale, ultraleggeri, VDS (Volo da Diporto o Sportivo) e del lavoro a livello mondiale.
La due-giorni romana potrebbe rappresentare una valida occasione per i giovani coinvolti e interessati dal settore aeronautico e aerospaziale. Opportunità, oltre che per soddisfare le eventuali curiosità, anche professionali e occupazionali nelle varie funzioni e categorie. Il programma prevede incontri con manager, piloti e altri esperti del settore, ma anche l'allestimento di stand di scuole di volo, istituti aeronautici, aeroclub, aziende e associazioni.
"Saranno due giornate intensissime con ospiti e conferenze su diversi argomenti, che potranno fornire ai giovani frequentatori ogni tipo di informazione utile al rispettivo futuro interesse per l'aviazione e per l'aerospazio", ha rilevato Luciano Castro, presidente di Fly Future e promotore della manifestazione. "La crescita del trasporto aereo in tutto il mondo ha portato ad una impennata le richieste di piloti, di assistenti di volo, di tecnici e di altre figure specializzate e professionali offrendo, così, interessanti opportunità di carriera in un settore che mostra evidenti sviluppi. E parallelamente anche l'Agenzia Spaziale Europea è impegnata a selezionare altri astronauti per le prossime missioni nel cosmo".
Apertura riservata al convegno, 'Professione volo. Le opportunità di lavoro e di carriera nel settore dell'aviazione e del trasporto aereo in Italia', anche per ricordare e celebrare il centesimo anniversario della nascita, a Trieste, della prima compagnia nazionale, la SISA, la Società Italiana Servizi Aerei. Una ventina le conferenze organizzate con gli interventi, fra l'altro, di Francesca Longhi, comandante di ITA Airways e di Antonio Chialastri, un tempo all'Alitalia e autore di scritti aeronautici. Spazio anche allo... spazio. Nella giornata conclusiva, soprattutto, con il tema 'Lavorare nello spazio. Il futuro dei prossimi astronauti italiani tra stazioni orbitanti, ritorno sulla Luna e esplorazione di Marte'. Atteso nell'Università della capitale il primo astronauta italiano, Franco Malerba, che a trent'anni dal volo in orbita, risalente al 1992, ricostruirà con particolari inediti e curiosi quella missione a bordo dello shuttle 'Atlantis'.
Per partecipare alla doppia giornata all'Università Europea di Roma è sufficiente richiedere il pass personale digitando www.flyfuture.it.

Pin It