Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO le 'gallerie aperte' di Bologna. Sono le più lunghe del mondo. Italia leadership

Un'altra meraviglia del nostro Paese è stata riconosciuta Patrimonio Mondiale dell'Umanità da parte dall'UNESCO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, le Scienze e la Cultura. I Portici di Bologna, infatti, sono stati inseriti nella prestigiosa lista internazionale. È la cinquantottesima 'perla' ammirabile sulla nostra penisola. 1.154 le aree e le strutture individuate dagli esperti in ogni angolo del pianeta, 897 culturali, 218 naturali e 39 cosiddette 'miste', posizionate in 167 nazioni. L'Italia è la leadership nella particolare graduatoria e precede la Cina, ferma a quota cinquantasei. In Europa sono quasi quattrocento. Diciotto le regioni italiane finora premiate, con la Lombardia capofila e maggiormente gratificata.
I Portici del capoluogo emiliano rappresentano una testimonianza storica, architettonica e anche artistica. La lunghezza complessiva è da guinness dei primati, sui 53 chilometri, fra cui 38 chilometri nella stretta cinta cittadina. L'ineguagliabile estensione è praticamente unica. Alcune curiosità riguardano il tratto più ampio della 'galleria aperta', che va dalla Basilica di Santa Maria dei Servi con il quadriportico realizzato al cospetto della facciata. È stato progettato dall'architetto Antonio Di Vincenzo. La costruzione è stata singhiozzosamente complessa. Iniziata nel 1393 è stata completata lentamente, nel 1855. Quello limitato, meno spazioso, al contrario, solo 95 centimetri, è in via Senzanome, nel quartiere Saragozza. Il più alto e al Palazzo dell'Arcidiocesi, che sfiora i 10 metri. Esteso e tortuoso, ben noto maggiore al mondo, è il Portico di San Luca. 3.796 metri caratterizzati da 489 gradini e 666 archi, numerati e contrassegnati, che, secondo la tradizione o la leggenda, un serpentone paragonabile al demonio, schiacciato ed eliminato dalla Madonna simboleggiata dal Santuario in cima al Colle della Guardia. Innumerevoli i pellegrinaggi promossi continuamente su quell'originale e spettacolare percorso ideato da Francesco Dotti dall'Arco Bonaccorsi, con vista sullo stadio 'Renato Dall'Ara', di via Saragozza. La Basilica domina dall'alto la città ed è visibile anche a distanza.
Inedita la formazione delle caratteristiche strutture. Le prime apparizioni risalgono intorno all'anno 1000 per ampliare con mensole e travi balconate degli spazi domestici, abitativi. Lo sbalzo, il vuoto, poi, è stato puntellato con una serie di colonne di sostegno per evitare spiacevoli e pericolosi rischi di cadute dell'impalcatura. E questa nuova situazione offriva riparo sia dal sole che dalla pioggia, ma anche altri spazi per le attività artigianali e commerciali dell'epoca e opportunità di una migliore condizione per chi risiedeva al piano stradale. Poco prima del 1300 l'amministratore locale, oltre a sanare sopportando gli abusivismi, ha deciso di concedere il via-libera per le realizzazioni di queste opere, ma solo se avessero avuto una larghezza e una altezza sufficiente al passaggio di persone a cavallo. Almeno, quindi, 2 metri e 66 centimetri, in seguito misure minime aggiornate a 3 metri e 60 centimetri. Con il passare degli anni il legno è stato sostituito da altri materiali come pietra o laterizi. In alcune aree della città emiliana è possibile trovare ancora gli allestimenti in legno. Tradizione e storia. E viceversa.
L'UNESCO, che ha l'obiettivo di valorizzare, sostenere e tutelare l'esistente patrimonio culturale e naturalistico del pianeta, attualmente ha come riferimento la Francia, in particolare Parigi. È stato istituito a metà novembre del 1945 in Inghilterra, a Londra. Al momento sono coinvolti nelle varie iniziative 195 paesi.

Categoria: Attualità