Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Sabato 16 dicembre al Teatro Palladium "Virgin Suicides" di Johanna Höhmann

http://customer158.img.musvc1.net/static/158/documenti/1/List%20Documents/virgin%20suicide%20-%20photo%20by%20Judith%20Buss.jpgAll’interno del ricco programma del XVI Premio Europa per il Teatro – XIV Premio Europa Realtà Teatrali in scena a Roma dal 12 al 17 dicembre, approda al Teatro Palladium sabato 16 dicembre alle ore 18 Virgin Suicides, spettacolo della compagnia Kammerspiele di Monaco, scritto da Johanna Höhmann, dall’omonimo romanzo di Jeffrey Eugenides e diretto da Suzanne Kennedy, regista che esplora nelle sue creazioni i legami tra teatro ed altre forme d’arte facendo spesso muovere in modo circolare attori, parole e concetti, il tutto integrato in spazi performativi che sono anche installazioni di arti visive.
Una famiglia conservatrice, fanatica e religiosa del Nord America, composta da cinque sorelle e i loro genitori. La casa rappresenta un mondo chiuso, senza via di uscita. Ogni sogno da bambino o desiderio giovanile si frantuma nel confronto con la religiosità dei genitori. Controllo e regole precedono ogni entusiasmo, cambiamento e crescita delle adolescenti. Osservate da un gruppo di ragazzi – il punto di vista maschile – le sorelle rappresentano sempre più un’attrazione travolgente. Le ragazze cercano di fuggire dal loro stato di reclusione ma i genitori impediscono il tentativo di fuga. Essi semplicemente provano a isolarle con più fermezza, fino a che la vita che rimaneva in loro viene soffocata ed esse sono portate all’estremo, fino alla morte.
In The Virgin Suicides Suzanne Kennedy, regista di Fegefeuer in Ingolstadt (Purgatorio a Ingolstadt) e di Warum läuft Herr R. Amok? (Perché il Signor R. è colto da follia improvvisa?) continua a seguire la tecnica della narrazione fuori campo ed esplora il punto di vista maschile grazie alla prospettiva dei ragazzi, che nell’opera sono ormai adulti. Per tutta la loro vita, la storia delle cinque figlie della famiglia Lisbon ha perseguitato questi uomini, che ne ricostruiscono i dettagli con l’ausilio della memoria. La questione delle loro morti aleggia su di essi, e nel frattempo il pubblico condivide questo sguardo voyeuristico imbarcandosi in un viaggio di consapevolezza e ricostruzione.
“You are now to begin a Great adventure, a journey out of your minfìd.” (Timothy Leary).
Ingresso gratuito con prenotazione sulla piattaforma del Teatro di Roma e attraverso l'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Teatro Palladium - Università Roma Tre (Piazza Bartolomeo Romano 8, Roma).
Info: teatropalladium.uniroma3.it - Pagina FB: www.facebook.com

Pin It