Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Nella nuova stagione il Teatro di Testaccio ha preferito soprattutto spettacoli di autori italiani

Tredici spettacoli compresi nel 'pacchetto-fiducia' dell'abbonamento, praticamente la metà extra, oltre a eventi speciali, festival e l'ormai tradizionale rassegna 'Salviamo i talenti'. Un cartellone trascinato e caratterizzato soprattutto dagli scrittori e dagli autori italiani, "una scelta", ha precisato Viviana Toniolo, motore acceso dell'attività e della direzione artistica del Teatro 'Vittoria', targato 'Attori&Tecnici' per alcune produzioni.
Il primo sipario sulla nuova stagione sarà alzato il prossimo 27 settembre per 'L'impresario di Smirne' di Carlo Goldoni con la regia di Stefano Messina e la partecipazione sul palcoscenico dei giovani che hanno completato il corso e specializzati nella commedia. Positivo il saggio messo in scena tanto da essere riproposto con ambientazione nell'attualità e dispersione evitata, fino al 7 ottobre.
I dieci anni di 'Ben Hur-Una storia di ordinaria periferia' di Gianni Clementi saranno ricordati dal 23 ottobre al 4 novembre. Sul palco Elisabetta De Vito, Paolo Triestino e Nicola Pistoia, che ha curato anche la regia. Lo spettacolo vanta oltre 400 repliche in almeno 210 località con la partecipazione in sala di più di 150 mila spettatori e una produzione cinematografica. Tema sempre di estrema e continua attualità, come l'immigrazione.
Dall'8 al 18 novembre in scena, 'Mobidic', dell'italo-tedesco
Karl Weigel con Massimo De Rossi e Roberto Anna.
Seguendo
la scia degli spettacoli in abbonamento, dal 20 novembre al 2 dicembre, al 'Vittoria' è in programma 'dioPluto' di Jurij Ferrini, commedia grottesca dalla satirica e graffiante trama, dopo opportuna riscrittura, dal 'Pluto' di Aristofane.
È stato ideato e creato dall'incredibile trasformista Arturo Brachetti, 'Le musichall in tour-Uno spettacolo sfacciatamente divertente'. La regia è di Stefano Genovese, le coreografie di Cristina Fraternale Garavalli e la direzione musicale di Giovanni Maria Lori. Canto, ballo, teatro, circo e poesia in rapida e alternante successione dal 10 al 20 gennaio del 2019.
È di Ennio Flaiano 'Melampo', sul palcoscenico di piazza Santa Maria Liberatrice dal 24 gennaio al 10 febbraio.
Quindici anni consecutivi in cartellone in Francia, 'Singles' di Rodolphe Sand e David Talbot, al 'Vittoria' dal 12 al 24 febbraio.
I racconti di Vincenzo Cerami adattati dalla figlia Aisha Cerami saranno interpretati da Massimo Wertmuller e Anna Ferruzzo accompagnati da Alessio Mancini, al flauto e alla chitarra e Sergio Collicchio alle tastiere e alla fisarmonica. La regia del'La Gente di Cerami' è di Norma Martelli. Dal 7 al 17 marzo.
'Nove' commedie di una decina di minuti. Storie, tante. Cortometraggio cinematografico, prossimo e possibile. Intanto l'esperimento sbarca sul palcoscenico di un teatro dal 19 al 24 marzo coordinato e gestito da Edoardo Erba e la regia è di Mauro Avogadro.
Giochi geniali con le parole. La quindicesima serie di Alessandro Bergonzoni sarà presentata dal 26 al 31 marzo. 'Trascendi e sali' è la traccia dell'attesa e brillante esibizione diretta da Riccardo Rodolfi e dallo stesso creativo emiliano.
"Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quello che ha da dire": le parole di Italo Calvino riportate su quella pubblicazione, 'Perché leggere i classici', arrivata nelle librerie dopo la scomparsa dell'intellettuale. Francesco Montanari con Gianmarco Saurino esalta da 2 al 7 aprile gli scritti di Italo Calvino. Presente anche Ilaria Ceci. La regia è di Davide Sacco.
Il Balletto di Roma con la direzione artistica di Francesca Magnani sarà protagonista dal 9 al 14 aprile nel 'Giulietta e Romeo'. Musiche di Sergej Prokofiev. Coreografie e scene di Fabrizio Monteverde. Due atti liberamente ispirati alla tragedia di William Shakespeare.
Dopo 26 anni ritorna al 'Vittoria' lo spettacolo voluto all'epoca a Testaccio da Attilio Corsini, 'Spettatori' di Michael Frayn per la regia di Pino Strabioli. Dal 2 al 12 maggio.
La stagione è arricchita da una serie di appuntamenti fuori abbonamento, che condiranno, inframezzando, la sequela prevista nel cartellone.
Concerto-spettacolo il 6 e 7 novembre dedicato a Gabriella Ferri, 'Perché non canti più...', con Syria, all'anagrafe Cecilia Cipressi, su idea di Pino Strabioli e la supervisione del figlio dell'artista romana Seva; Anema in 'Piccolissima Serenata Carosone' il 4 e 5 dicembre; 'Trappola per topi' di Agatha Christie dal 6 al 16 dicembre; 'Il diavolo, certamente' di Andrea Camilleri e adattamento teatrale di Claudio Pallottini dal 20 dicembre al 6 gennaio e 'L'illusionista' con Alberto Giorgi e Laura Gemmi per dar seguito al successo ottenuto lo scorso anno, dal 28 febbraio al 5 marzo.
Rinnovata l'iniziativa 'I the letterari', arrivata alla 22^ annualità. 'Risvegliare reminiscenze' di Marcello Teodonio. Venticinque incontri, alle 17, ora del the e dei pasticcini, dal 5 ottobre al 10 maggio, con al centro, fra l'altro, argomenti importanti e delicati come il caso-Moro; il Sessantotto; la fine della Prima Guerra Mondiale; la grande letteratura di ogni tempo; la lingua e la musica di Napoli; la scrittura al femminile; l'ecologia e l'etologia e le arti figurative.
Dall'11 al 20 ottobre il Teatro ospiterà la 33^ edizione il Roma Europa Festival con la prima nazionale dello spettacolo, 'The Prisoner' di Peter Brook e Marie-Helene Estienne.
Dal 13 al 19 maggio è in programma il Festival dell'Ottimismo e la nuova puntata di 'Salviamo i talenti-Premio Attilio Corsini', dal 28 maggio al 5 giugno del 2019. Progetto multiculturale, 'Colori per la pace', con l'opportunità di realizzare uno spettacolo unico caratterizzato dalla coesistenza creativa fra i popoli.

Pin It