Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Scompare in Sicilia a 76 anni Felice Gimondi. Un grande del ciclismo. Ha vinto tutto, fra cui Mondiale, Giro, Tour e Vuelta

Quante volte abbiamo sentito ripetere da atleti, tecnici, appassionati, sportivi e osservatori "se contemporaneamente non ci fosse stato al via il 'Cannibale', quel belga di Eddy Merckx sempre avido di passare davanti a tutti sul traguardo, avrebbe vinto molto, molto di più, almeno il doppio, forse il triplo delle corse e alzato un gran numero di trofei posti nella già ricca bacheca". Uno dei tanti campioni che l'Italia dello sport ha prodotto, in questo caso nel ciclismo, è scomparso. Il giorno dopo Ferragosto. Felice Gimondi ha accusato un malore, poi risultato fatale, nelle acque siciliane di Giardini Naxos. A nulla sono serviti i tentativi dei presenti e degli specialisti sanitari. Aveva 76 anni.
Felice Gimondi era originario di Sedrina, provincia di Bergamo, dov'era iscritto nella locale anagrafe dal 29 settembre del 1942. Nel messinese, però, non è stata spenta la storia di questo straordinario atleta, di un soffio sopra il metro e ottanta centimetri, in grado di alimentare il curriculum fin dal 1960 con la prima vittoria nelle categorie giovanili. Due anni dopo ha iniziato a gareggiare fra i dilettanti. Nel triennio ha alzato le braccia al cielo per la gioia sotto l'ambito striscione dell'arrivo in sedici occasioni. La perla è stata incastonata nel 1964 con il trionfo nel Tour de l'Avenir. In quella stagione ha difeso i colori azzurri nella prova su strada nell'Olimpiade giapponese di Tokyo. Chiude al trentatreesimo posto della corsa vinta dal connazionale Mario Zanin.
L'inevitabile debutto fra i professionisti risale al 1965 con la maglia e i colori della Salvarani guidata da Luciano Pezzi. Al primo Giro d'Italia, vinto dal compagno di squadra Vittorio Adorni, è salito sul gradino più basso del podio. Alla fine della carriera saranno ben nove conditi dagli immancabili successi di giornata, ma, soprattutto, Felice Gimondi è stato uno dei sette corridori sulle bici ad aver iscritto il proprio nome sull'Albo d'Oro delle tre grandi corse a tappe: Tour de France, nel 1965; la Vuelta spagnola, nel 1968 e il Giro d'Italia, nel 1967, nel 1969 e nel 1976.
Gimondi trionfatore anche nel Mondiale del 1973 a Barcellona sul circuito del Montjuic e nelle più importanti classiche sia italiane che internazionali, fra cui la Parigi-Roubaix e la Parigi-Bruxelles; la Milano-Sanremo; il Giro di Lombardia, dell'Appennino, del Piemonte, della Romagna; la Coppa Agostoni, Bernocchi, Placci; il Gran Premio di Castrocaro e dell'Industria, oltre a circuiti e criterium. Alcune hanno anche assegnato la maglia tricolore del campionato nazionale. Nella quindicina di stagioni, fra Salvarani e Bianchi con Giancarlo Ferretti, Felice Gimondi ha collezionato complessivamente 141 successi e per undici volte è stato nella selezione italiana per il Mondiale su strada. Esperienze limitate in pista, in particolare nella Sei Giorni di Milano: nel 1972 con Sigi Renz e nel 1977 abbinato a Rik Van Linden. Non sono mancati a fine carriera i premi e i riconoscimenti assegnati e consegnati. Nel 2015 l'immortalità con la targa posta a Roma e dedicata ai grandi dello sport conquistatori delle maggiori competizioni internazionali. Ha collezionato tutti i metalli del Mondiale: l'oro a Montjuic nel 1973, l'argento a Mendrisio nel 1971 e il bronzo a Leicester nel 1970.
Rammarico e commozione immediatamente espresse da tutto il mondo dello sport e, in particolare, da quello delle due ruote con i pedali. Il rivale d'un tempo, Eddy Merckx, che l'aveva sentito telefonicamente nei giorni scorsi, ha parlato di una perdita come "un'amara sconfitta"; il presidente della FederCiclismo Renato Fi Rocco ha ricordato "un campione amato e rispettato" e il Commissario Tecnico della nazionale azzurra Davide Cassani ha rivelato "di essere stato il suo unico idolo".

Pin It