Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

EuroGames per la prima volta in Italia, a Roma. Attesi quasi 4 mila atleti di 55 paesi. 14 le discipline sportive

"È una manifestazione sportiva, ma anche culturale". È la frase leit motiv nella presentazione in Campidoglio della diciassettesima edizione di EuroGames, che sarà organizzata nel nostro Paese, in particolare a Roma. Per la prima volta in Italia. Lo sport abbatte ogni barriera, sgretola qualsiasi ostacolo, etico, religioso, di razza e opinione. È in grado di scrollare e superare le discriminazioni e tutte le forme di razzismo, come purtroppo ancora non avviene nella quotidianità sociale. Gli atleti e le rispettive delegazioni in campo, sulle piste, sulle pedane e nelle palestre per i diritti civili. Semplice a dirsi, un po' più complicato applicare le normative, anche quelle naturali, del buonsenso.
Roma, la cosiddetta 'Capitale del Mondo', dall'11 al 13 luglio, è pronta ad accogliere quasi quattromila atleti in rappresentanza di 55 nazioni, fra le altre qualcuna non propria brillante nel rispettare le personali preferenze ed opinioni. Quattordici le discipline in programma: atletica leggera; badminton; beach volley; bowling; calcio; danza sportiva; futsal; golf; hockey; nuoto; pallanuoto; pallavolo; podismo e tennis. L'appendice al previsto cartellone riguarda la 'Roma Rights Run', la rinominata 'Corsa dei Diritti', che attraverserà alcune delle aree storico-archeologiche della Città Eterna. Partenza in via dei Cerchi e traguardo posto al Circo Massimo.
La cerimonia di apertura del compresso calendario è fissata per le ore 18 e 30 nell'impianto dell'EUR delle 'Tre Fontane'. Il sipario sull'EuroGames 2019 sarà calato al Villaggio allestito a 'La Bibliotechina' dell'EUR.
Quattordici le strutture pronte ad ospitare le competizioni: il Centro di Preparazione Paralimpica per l'atletica leggera; il Pala'ToLive Sport Center' di via Aristide Leonori per il badminton; l''Hibiscus Beach' di Ostia per il beach volley; il 'Brunswick' per il bowling; il Centro Sportivo 'La Borghesiana' per il calcio; il PalaCavicchi per la danza sportiva; l''Orange Futbolclub' per il futsal; lo Sheraton Golf Club per il golf; il Centro Federale di via Avignonese e il campo delle 'Tre Fontane' per l'hockey; il Polo del Lido della FIN per il nuoto e la pallanuoto; il PalaFonte, il PalaTorrino e l''Honey Sport City' per la pallavolo e il Tennis Club Garden e l''Oasi di Pace Sporting Club per il tennis.
La rassegna è partita nel 1992 dall'Olanda e ha coinvolto finora undici paesi europei. L'iscrizione è libera, al di là dell'orientamento e dell'identità di genere e dell'età.
La kermesse prevede anche incontri e confronti per la sezione 'culturale' e il match di pugilato valevole per il tricolore dei pesi massimi fra Luca D'Ortenzi e Sergio Romano in programma il 13 luglio a Ladispoli, a piazza Roberto Rossellini.
La candidatura di Roma è stata presentata da GayCS, il settore LGBT dell'AICS, l'Associazione Italiana Cultura e Sport, rappresentato per l'occasione dall'olimpionico Daniele Masala. Gli EuroGames sono promossi dall'EGLSF, l'European Gay Lesbian Sport Federation. L'appuntamento romano è sostenuto da una serie di istituzioni e amministrazioni pubbliche e da testimonial e ambasciatori, fra cui Vladimir Luxuria; Fabio Canino, il quale da poco ha dato alle stampe 'Le parole che mancano al cuore'; Carlo Molfetta, oro ai Giochi del 2012 a Londra nel taekwondo; Raffaella Masciandri, ex guida da capitano della nazionale di pallacanestro; Nicole Bonamino, estremo difensore azzurro di hockey e Alessandro Spigai, plurimedagliato nel pattinaggio artistico.
Adriano Bartolacci Proietti, presidente degli imminenti Giochi, ha lanciato anche l'ambiziosa candidatura di Roma per organizzare l'edizione del 2026 dei Gay Games. La manifestazione è stata ideata dal dottor Tom Waddell proprio per promuovere lo spirito di inclusione e di partecipazione di tutti. La prima edizione risale al 1982, a San Francisco.

Pin It