Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Il Premio 'Fair Play-Menarini' consegnati a Castel Fiorentino a protagonisti di ieri, oggi e... domani

A una ventina di rappresentati dello sport mondiale sarà consegnato nella piazza del Municipio dell'aretina Castiglion Fiorentino il prossimo 4 luglio il Premio Internazionale 'Fair Play-Menarini'. Il riconoscimento, arrivato alla ventitreesima edizione, è stato istituito con l'obiettivo di riconoscere a dirigenti, atleti, società, aziende e giornalisti, anno-dopo-anno, un comportamento correttamente etico e quindi assegnare un simbolo, una testimonianza della rispettiva azione.
Il Premio, che dal 1997 è finito nelle mani del gotha dello sport planetario, è suddiviso in sezioni ben argomentate, che hanno interessato e coinvolto l'allargata giuria coordinata dal presidente dell'Associazione Angelo Morelli e da quello onorario, il generale della Guardia di Finanza Gianni Gola.
Il Premio 'Fair Play' sarà consegnata a Kakhaber Kaladze, georgiano di 41 anni, ex calciatore, anche in Italia, nel Milan. Ha drammaticamente perduto una decina di anni fa in un rapimento il fratello e dal luglio del 2017 è sindaco di Tbilisi.
Al ventenne triestino di nascita e trevigiano di crescita Manuel Bortuzzo è stato assegnato il riconoscimento 'Lo Sport oltre lo Sport'. All'inizio dello scorso febbraio è stato gravemente ferito da colpi di arma da fuoco nella zona romana dell'Axa. Bortuzzo curava gli allenamenti ad Ostia ed era più che una promessa, fra l'altro nei 400 metri stile libero. Voleva essere un protagonista del nuoto olimpico a Tokyo nel 2020. Adesso punta alle gare paralimpiche.
Il ciclista Daniele Bennati e la romena Gabriela Szabo, oro olimpico nel 2000 sui 5000 metri e terza e seconda rispettivamente ai Giochi del 1996 e in quelli di quattro anni dopo nei 1500 metri. È stata 'Atleta dell'Anno' per la IAAF, la Federazione Internazionale di Atletica Leggera, nel 1999. Daniele Bennati e Gabriela Szabo sono i protagonisti del 'Fair Play Modello di Vita'.
Le geniali traiettorie inventate dal brasiliano Arthur Antunes Coimbra, noto al mondo degli appassionati del calcio come Zico, sarà il premiato nella categoria 'Una vita per lo sport'.
'Fair Play e Solidarietà' per l'attuale presidente della Lega di serie B del calcio Mauro Balata. Avvocato a Roma, Balata è stato anche Procuratore Federale Interregionale della FIGC, componente della Procura Federale e Stella al Merito del CONI.
Doppio riconoscimento per la 'Carriera nel Fair Play'. Protagonisti il cestista lombardo Antonello Riva, una mitraglia da incubo per i canestri avversari e la fondista dell'atletica leggera, l'etiope Derartu Tulu. È stata la prima donna dell'Africa Nera a vincere una vincere una medaglia olimpica. Nel 1992 ai Giochi di Barcellona nei 10000 metri e poi, dopo la maternità, in quelli australiani di Sydney nel 2000. Derartu Tulu ha collezionato, fra l'altro, anche un tris di corone mondiali di cross country e la vittoria alla Maratona di New York nel 2009 a 37 anni. 'Nembo Kid', invece, ha arricchito e appesantito le mensole con scudetti e coppe internazionali e d'Italia nella pallacanestro.
'Fair Play e Salute' per l'ex responsabile medico della nazionale italiana di calcio Enrico Castellacci. Al momento è componente a Coverciano del Consiglio Direttivo del Settore Tecnico della FIGC.
L'abbinamento con l''Ambiente' riguarda Kiara Fontanesi, mondiale di motocross femminile per sei volte, dal 2012 al 2018, con un unico buco nel 2016. Da quella stagione è nel Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro.
Per la 'Promozione dello Sport' riflettori rivolti verso la prima italiana a vincere la Coppa del Mondo generale e quella di inseguimento di biathlon, Dorothea Wierer. Medaglie mondiali e anche ai Giochi dei cinque cerchi colorati. Bronzo nella staffetta mista a Pyeongchang nel 2018.
'Sport e Vita' a Franco Causio e Georgi Glushkov. Causio, 'Il Barone', fra l'altro, ha conquistato sei scudetti, una Coppa UEFA e una Coppa Italia con la maglia della Juventus e il Mondiale di calcio con gli azzurri guidati da Enzo Bearzot in Spagna nel 1982. Glushkov, bulgaro di 59 anni, è stato il primo giocatore di pallacanestro dell'Est ad essere tesserato nell'NBA americana. Attualmente è presidente della Federazione bulgara.
'Personaggio Mito'. Una coppia e multisportiva. Gianni De Magistris, faro quasi indiscusso della pallanuoto. Uno dei maggiori realizzatori. E con la nazionale ha giocato in cinque Giochi Olimpici e disputato 388 partite. Nel 1980 tricolore con la Florentia dove è stato per quasi l'intera carriera in acqua. L'ex ginnasta russa Svetlana Khorkina è riuscita a vincere sette medaglie olimpiche e ben venti mondiali. È stata eletta alla Duma per il periodo fra il 2007 e il 2011.
Federica Brignone è il 'Modello per i Giovani'. La sciatrice milanese ha seguito le traiettorie del femminile genitore, Maria Rosa Quario e conquistato, fra l'altro, il bronzo olimpico a Pyeongchang.
Ad Andrea Giani, uno dei pallavolisti della cosiddetta 'generazione di fenomeni', è stato assegnato il Premio Speciale 'Sustenium Energia e Cuore'. In azzurro ha conquistato tre mondiali, un poker di europei e sette World League. 474 le presenze in nazionale. All'Olimpiade tre podi per un paio di argenti e un bronzo.
Altro Premio Speciale, dalle Fiamme Gialle, 'Studio e Sport', per Caterina Ceccarelli.
Al Comitato Olimpico Sammarinese sono stati riconosciuti 'I valori sociali dello sport'. Il CONS è stato costituito ufficialmente il 3 aprile del 1959 ed è entrato nel CIO. Federico Bigi è stato il primo presidente. 34 le federazioni affiliate e oltre 9.200 i tesserati. Sul territorio del Titano sono stati ospitati per tre volte i Giochi dei Piccoli Stati con il presidente del CIO Thomas Bach in tribuna.
L'attuale
direttore del quotidiano Il Corriere dello Sport-Stadio Ivan Zazzaroni è stato preferito nella sezione 'Narrare le emozioni'.
Il programma della rassegna, sostenuta dal Gruppo Farmaceutico Menarini e affiancato, fra gli altri, dal Parlamento Europeo, dal Senato e dal CONI, prevede anche incontri con i premiati e un convegno promosso dal Comune di Castel Fiorentino su 'Il Fair Play elettorale all'interno delle associazioni sportive'. Diretta televisiva su SportItalia condotta da Lorenzo Dallari e dall'ex pallavolista Rachele Sangiuliano.

Pin It