Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Saranno consegnati a Castel Fiorentino il prossimo 19 luglio i riconoscimenti agli atleti, alcuni ancora in attività

L'incantevole scenario di Castel Fiorentino ospiterà il prossimo 19 luglio la cerimonia fi consegna dei premi Fair Play-Menarini. Serata illuminata ed esaltata dalla tradizionale parata di indimenticabili protagonisti del mondo sportivo, sia del passato che dell'estrema attualità con uno sguardo interessato rivolto anche alle prestazioni del domani. Il Premio internazionale, da sei anni affiancato dal Gruppo Farmaceutico, è stato istituito nel 1997 per sensibilizzare tutto il mondo dello sport verso i grandi valori ed sottolineare i comportamenti di lealtà, correttezza e riconoscimento del risultato emerso nelle gare delle varie discipline ad ogni livello.
Svelati in anteprima i premiati, che sono stati indicati da una particolare e competente giuria internazionale. Premio 'Fair Play', quello universale, allo svedese Stefan Holm, oro ai Giochi Olimpici di Atene nel 2004 nel salto in alto, ma anche quattro volte campione mondiale ed europeo indoor. 2 metri e 40 centimetri al chiuso e 2 metri e 37 centimetri all'aperto i limiti personali dell'attuale quarantaduenne scandinavo.
'Una vita per lo sport' a Giovanni Trapattoni. Incontestabile. Calciatore vincente, prima e allenatore, poi, in grado di trionfare con le squadre di club di ben quattro paesi (Italia, Germania, Portogallo e Austria) in campionato, coppe locali e internazionali e di guidare anche un paio di nazionali, gli azzurri e la selezione irlandese.
Doppia nomina per il 'Personaggio Mito': al cestista croato Tony Kukoc, 'L'Airone di Spalato', protagonista anche nel campionato professionistico americano dell'NBA e al marciatore polacco Robert Korzeniowski, plurimedagliato olimpico e mondiale.
Antonio Di Gennaro e Massimo Rastelli saranno premiati da ex calciatori, oggi uno opinionista e l'altro allenatore, per la 'Carriera nel Fair Play', mentre una delle 'farfalle' della ginnastica artistica e ritmica azzurra, la romana Elisa Santoni, ora trentenne, è stata indicata come 'Modello di vita'.
Per 'I valori sociali nello sport' spazio e battimani all'Associazione Sportiva Cittadella, che attualmente è iscritta al campionato nazionale di calcio di serie B.
'Sport e vita'..., da chiedere a Serena Ortolani e a Davide Mazzanti, che l'hanno unita, congiunta. La giocatrice e l'allenatore di pallavolo insieme quotidianamente e in ogni occasione. Premio anche a Carolina Kostner, la deliziosa pattinatrice sul ghiaccio, che forse potrebbe avere qualche rimpianto per la pur brillante carriera agonistica.
Il riconoscimento per la 'Promozione dello sport' va a Marco Bortolami, 107 presenze con la maglia della nazionale azzurra di rugby. Il trentottenne padovano
era il recordman prima di essere superato lo scorso novembre da Sergio Parisse.
 'Fair Play e solidarietà' per l'ex tennista slovacca Daniela Hantuchova.
'Modello per i giovani' 2018 è la ginnasta Vanessa Ferrari, la prima italiana a conquistare un oro mondiale.
Per la sezione 'Fair Play e ambiente' sarà premiata la svedese del fondo di sci Charlotte Kalla.
Il Premio Speciale 'Sustenium Energia e Cuore' è stato assegnato alla velocista sul ghiaccio Arianna Fontana. Otto medaglie olimpiche nello short track: un oro, due argenti e il resto del campionario completato da metallo meno pregiato, ma sempre di gran valore. E la bacheca domestica non è arricchita e abbellita solo dalle conquiste all'Olimpiade Invernale.
Riflettori accesi su Marco Maria Dolfin per 'Lo sport oltre lo sport'. Torinese, quasi quarantenne, ha conquistato il bronzo nei 100 metri rana categoria SB5 all'Europeo di Funchal.
Altro Premio Speciale, delle Fiamme Gialle, 'Studio e Sport', alla liceale del 'Redi' di Arezzo Noemi Biagini. La quindicenne dell'Alga Etrusca è una promessa dell'atletica leggera, settore lanci, in particolare del disco. La giovane atleta avrà la possibilità di frequentare per la preparazione e gli allenamenti i protagonisti e i tecnici del Gruppo Sportivo della Guardia di Finanza.
Non solo gli atleti in passerella. Sul palco anche il giornalista Xavier Jacobelli per la consegna del riconoscimento della sezione 'Narrare le emozioni'.

Pin It