Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

La stagione delle nazionali. Dopo la Nations League il Mondiale e i Giochi del Mediterraneo

Sir Perugia è Campione d’Italia, l’Umbria sulla vetta del Volley | Marini “Sogno che diventa realtà”Aggiornato l'Albo d'Oro con l'arricchimento del nome della squadra in grado di conquistare il tricolore del massimo torneo maschile e di quello femminile, la pallavolo sposta la visuale degli interessi, ora rivolti e puntati sull'attività delle nazionali azzurre attese da importanti e delicati appuntamenti, passaggi intermedi e fondamentali in vista dell'Olimpiade di Tokyo del 2020. Trionfo storico a Perugia con la Sir Safety Conad in campo maschile, vittoria dell'Imoco Conegliano in quello femminile, tanto per illustrare i nuovi indirizzi del dominio nel volley nostrano. Quindi, poche ore dopo l'ultimo epilogo italiano e in attesa delle sfide finali e decisive nell'Europa delle coppe più pregiate, i responsabili delle due selezioni iniziano concretamente a tracciare il perimetro del campo dove arare, seminare e raccogliere.
A Roma il presidente della Federazione Italiana Pallavolo Pietro Bruno Cattaneo e i tecnici della nazionale maschile Gianlorenzo Blengini e di quella femminile Davide Mazzanti hanno illustrato gli impegni e le scadenze della stagione, che saranno aperte dalla
Volleyball Nations League, la novità in grado di assorbire in un sol colpo la World League e la World Grand Prix. Sedici nazionali per ognuno dei due tabelloni suddivise in cinque pool da una rotazione di altrettante squadre. La fase finale maschile è prevista dal 4 all'8 luglio, nella sesta settimana, in terra di Francia, a Lille. Due gironi con tre squadre. La coppia leader sarà di fronte nelle semifinali incrociate per essere poi, le vincenti, finaliste della manifestazione. Gli azzurri di Blengini scenderanno in campo per le prime partite a Kraljevo, dal 25 al 27 maggio contro Germania, Brasile e Serbia; poi a San Juan, dal primo al terzo giorno di giugno, con Canada, Irlanda e Argentina; a Osaka, dall'8 al 10 giugno, con Polonia, Bulgaria e Giappone e a Seul, dal 15 al 17 giugno, con Cina, Corea del Sud e Australia. A Modena, dal 22 al 24 giugno, con Russia, Francia e Stati Uniti. Blengini ha annunciato una rotazione dei giocatori sfruttando il regolamento per puntare a ottenere alti standard di rendimento da una formazione possibilmente nella migliore condizione. Nel mirino il prestigioso Mondiale, la cui organizzazione è suddivisa fra Italia e Bulgaria. Esordio nello spettacolare scenario del Foro Italico il prossimo 9 settembre contro il Giappone. Epilogo mondiale a Torino il 30 settembre. Ed è proprio originario del capoluogo piemontese Gianlorenzo Blengini, 47 anni da compiere quasi alla fine dell'anno ed è alla guida della nazionale maschile dall'agosto del 2015, con la quale ha ottenuto un argento nella Coppa del Mondo, pass utile per la partecipazione ai Giochi di Rio de Janeiro, dove è stata fermata solo dai padroni di casa in finale per 3 a 0. Sull'album può vantare anche un terzo posto all'Europeo disputato in Italia e in Bulgaria.
Blengini, ma anche il presidente federale Cattaneo e il segretario generale del CONI e responsabile della preparazione olimpica Carlo Mornati, alla presenza anche dei vertici delle due leghe, Paola De Micheli e Mauro Fabris, hanno sottolineato come è particolarmente complicata e agguerrita la qualificazione ai Giochi, in particolare per le europee. Nel ranking internazionale nelle prime dodici posizioni sono presenti ben otto nazionali del Vecchio Continente.
Alta la competitività anche nel settore femminile con Mazzanti pronto all'imminente partenza per gli Stati Uniti, dove a Lincoln, dal 15 al 17 maggio, affronterà in serie Turchia, Polonia e le padrone di casa. Trasferta a Suwan, in Estremo Oriente, dal 22 al 24 maggio, per incrociare Russia, Germania e Corea del Sud; a Hong Kong, dal 29 al 31 maggio, per giocare contro Giappone, Argentina e Cina. Il ritorno in Europa, a Rotterdam, dal 5 al 7 giugno, per affrontare Serbia, Olanda e Repubblica Dominicana e, infine, nella caratteristica Eboli, dal 12 al 14 giugno, per ospitare Thailandia, Belgio e Brasile. Finali in Cina, a Nanchino, dal 27 giugno al primo giorno di luglio. Il Mondiale delle azzurre è in programma dal 29 settembre al 20 ottobre in Giappone. Esordio contro la Bulgaria. Nel girone anche Canada, Cuba, Turchia e Cina, da incontrare in fila a Sapporo, al Prefectural Sports Center. Appuntamento con la sfida de
cisiva il 20 ottobre a Yokohama. Davide Mazzanti, 42 anni a metà ottobre, originario di Fano, dal 2017 è responsabile dell'attività della nazionale italiana femminile dopo aver vinto gli scudetti a Bergamo, Casalmaggiore e Conegliano. Azzurre qualificate al Mondiale e seconde nella World Grand Prix.
In attesa dei mondiali la pallavolo azzurra sarà impegnata ai Giochi del Mediterraneo organizzati in Spagna, a Taragona, dal 22 giugno al primo giorno di luglio. La selezione maschile sarà guidata da Gianluca Graziosi, quella femminile da Massimo Bellano.

Pin It