Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

'Ora giochiamo insieme'. Cricket, football americano e tamburello le attività per i giovani degli istituti didattici

L'unione fa..., 'Ora giochiamo insieme'. La collaborativa coalizione fra le federazioni riconosciute dal CONI come discipline sportive associate dell'American Football, del Cricket, della Palla Tamburello ha ottenuto le risorse economiche previste per la diffusione e la pratica della cosiddetta 'attività di base' sui territori della nostra penisola. Il progetto sostenuto da Sport&Salute ha l'obiettivo di coinvolgere i giovani e i giovanissimi della scuola primaria e secondaria di ogni grado nell'attività non solo fisica sollecitata proprio dalle tre discipline.
La novità è stata illustrata a Roma dal presidente di Sport&Salute Vito Cozzoli e dai vertici delle tre federazioni rappresentate da Leoluca Orlando, American Football; Fabio Marabini, Cricket e Edoardo Facchetti, Palla Tamburello. Il progetto proposto e accolto favorevolmente da un'apposita commissione ha "la consapevolezza che l'attività sportive scolastica rappresenta la base motoria ideale per le diverse fasce di età degli studenti delle classi della primaria e della secondaria e, che, attraverso l'apprendimento" di funzioni e movimenti "multidisciplinari e multilaterali con l'utilizzo di diversi attrezzi come il tamburello, le mazze da cricket o le fiag e la palla ovale del football, sia possibile favorire in modo appropriato tutte le capacità coordinative generali e speciali e migliorare il linguaggio corporeo". A questo va aggiunta l'importanza di una educazione sportiva da trasferire anche nei comportamenti quotidiani, fra cui "l'etica e i valori, il fair play, il rispetto per l'avversario e delle regole, l'inclusione e la valorizzazione delle diversità".
Nell'area 'WeSportUp' del Foro Italico il presidente Cozzoli ha sottolineato come questa iniziativa potrebbe coinvolgere almeno "centomila fra ragazzi e ragazze di oltre trecento istituti scolastici, impegnare cinquecento arbitri, un migliaio di tecnici di quasi trecento società". Sport&Salute, fra l'altro, aveva previsto una disponibilità finanziaria di un'ottantina di milioni di euro, ma le richieste sono arrivate al Foro Italico per oltre 280 milioni di euro". Lo scorso anno, per sollecitare i più giovani al movimento fisico e all'educazione comportamentale, il programma di Sport&Salute ha visto la partecipazione "di un milione e 700 mila fra bambine e bambini, che potrebbero salire a due milioni nel 2023 con l'adesione di una quarantina di organismi sportivi".
Il progetto trifederale prevede dalle 6 alle 10 ore per disciplina a settimana dedicate ad ogni classe nel periodo scolastico. Il coinvolgimento continuerà nel periodo estivo con la frequentazione attesa anche nei mesi liberi dagli impegni didattici. Gli insegnanti saranno affiancati e assistiti dai tecnici federali, da diplomati ISEF e dai laureati in Scienze Motorie. I nuclei familiari non saranno appesantiti da alcun gravìo economico, in quanto lo specifico materiale sarà messo a disposizione dalle tre federazioni. Gli appuntamenti saranno fissati nelle strutture degli istituti scolastici, ma se la palestra non fosse idonea saranno predisposte soluzioni alternative negli spazi e negli impianti delle molteplici società delle rispettive discipline sportive. Saranno le scuole di tutto il nostro Paese a richiedere l'adesione a questa iniziativa, che inizia dal 'gioco-sport' per diventare un approfondimento anche tecnico sulle tre discipline. Il piano ha ottenuto il riconoscimento sia del 'Fondo per la promozione dell'attività sportiva di base sul territorio' che dei 'Progetti Scolastici' del Ministero dell'Istruzione e del Merito.
Edoardo Facchetti, presidente della Federazione Italiana Palla Tamburello, una con maggiore storia nel mondo sportivo, ha ricordato il numero dei tesserati, "almeno 12 mila e quello delle società, quasi 140. La FIPT organizza regolarmente campionati nazionali nelle varie serie e categorie, comprese quelle giovanili. Quattro le specialità proposte, indoor, open, muro e tambeach". Intanto continua l'espansione della specialità nel meridione della nostra penisola. L'ufficializzazione del prossimo calendario del campionato all'aperto è previsto a Roma entro la fine di gennaio.
"Sport è salute, affermano continuamente i medici". L'attenzione su questo aspetto è stata richiamata da Leoluca Orlando, alla guida della Federazione Italiana di American Football. "Un centinaio le società affiliate per oltre 7 mila tesserati" sparsi praticamente in tutte le regioni del nostro Paese. Campionati regolarmente organizzati e anche quelli Under 12, 15 e 18 e la relativa Coppa Italia". È promosso "anche il flag football, la disciplina senza contatto, in cui l'Italia eccelle in Europa e anche a livello mondiale" in tutte le categorie, soprattutto maschile, ma anche in quello femminile. L'obiettivo è vedere rappresentata la disciplina almeno ai Giochi di Los Angeles del 2028. Orlando ha ribadito "la disparità di risorse economiche riconosciute fra le federazioni olimpiche e quelle associate".
Fabio Marabini, presidente della Federazione Cricket Italiana, ha ribadito che "la disciplina è praticata in ogni parte" del pianeta, "in particolare nei paesi del Commonwealth ed è il secondo sport più seguito". Annualmente sono disputati i campionati femminili e maschili, anche a livello giovanile e la relativa Coppa Italia. 76 le società riconosciute dalla FCRI con quasi 3 mila tesserati. Oltre all'attività tradizionale la Federazione promuove il modified cricket, con la palla morbida, suddiviso in tapeball e softball e il kwich cricket, un metodo propedeutico di apprendimento attraverso un tris di giochi, lord's game, continuous cricket e pairs cricket. Sei sono i valori fondamentali e rappresentati nel fair play, nello spirito di squadra, nell'integrazione, nel rispetto, nella tradizione e nella sostenibilità. Il cricket, fra l'altro, è stato il primo sport in Italia a introdurre, una ventina di anni fa, il cosiddetto 'ius soli'.
Al Foro Italico, nel corso della presentazione dell'iniziativa, è stato svelato anche il marchio. Nell'immagine sono esaltati gli 'strumenti' essenziali utilizzati nel gioco: la palla ovale per il football, il tamburello e la mazza con le rispettive sfere da colpire. Il programma prevede anche il monitoraggio intermedio e conclusivo sulla qualità dell'insegnamento e sul gradimento da parte dei frequentatori, degli alunni, dei docenti, delle famiglie e delle società sportive.

Pin It