Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Tris di iniziative della Federazione, sostenute da Sport e Salute, a favore soprattutto dei giovani fra integrazione e terapie

 

Canottaggio per l'attività sportiva, canottaggio per l'integrazione e l'inclusione sociale, canottaggio per una crescita atletica e fisica, canottaggio protagonista essenziale delle tre iniziative promosse dalla Federazione e sostenute da Sport e Salute. Le novità sono state illustrate a Roma, al Foro Italico, alla presenza, fra gli altri, dei vertici federali, dei rappresentanti di Sport e Salute, di Federsanità e dei plurimedagliati nelle varie categorie del remo come Federica Cesarini e Valentina Rodini, oro olimpico a Tokyo nel doppio dei pesi leggeri e il napoletano Marco Di Costanzo, bronzo a Rio de Janeiro nel 2016 nel due senza e anche nella capitale giapponese, ma nel quattro senza, nell'edizione targata 2020 e disputata l'anno dopo.
Il tris di progetti, 'Remare in libertà', 'Sport terapia integrata' e '#StudiErarioinFamiglia', sono sostenuti con un impegno economico di 3 milioni e 500 mila euro da Sport e Salute guidata da Vito Cozzoli. 'Remare in libertà' prevede la collaborazione del Dipartimento di Giustizia Minorile e di Comunità. L'obiettivo è di avvicinare alle attività remiere i giovani di cinque istituti penitenziari. Sport come spinta per un reinserimento sociale, forma di riscatto e riabilitazione personale. La parte atletica unita alla responsabilità sociale nel rispetto delle regole e degli avversari.
'Sport Terapia Integrata' è il programma condiviso con Federsanità coordinata da Tiziana Frittelli. "È ormai riconosciuto che il canottaggio è una disciplina sportiva completa con effetti benefici fisico-motori e psicologici", ha rilevato il presidente della Federazione Italiana Canottaggio Giuseppe Abbagnale. Canottaggio come fase terapeutica, fra l'altro confermata da diversi studi e approfondimenti pratici.
Istituti scolastici, insegnanti, ragazzi e famiglie chiamate a raccolta per l'altro progetto della FederCanottaggio. Attività dedicata a giovani e giovanissimi di tutte le età. Un modo per associare studio e sport. La Federazione accompagnerà la crescita dei partecipanti attraverso la socializzazione, la preparazione sportiva e l'attenzione all'alimentazione.
Tre iniziative che hanno il comun denominatore la condivisione, la riabilitazione e l'impegno, oltre, naturalmente, l'attività fisica, comunque monitorata dai sanitari e dai tecnici. Una disciplina che negli anni ha offerto all'Italia sportiva numerosi protagonisti, in grado di conquistare medaglie e allori anche nelle grandi manifestazioni internazionali come i Giochi Olimpici e nell'appuntamento con il Mondiale e l'Europeo.

Pin It