Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Al Circo Massimo dal 2 al 4 settembre la tappa italiana del 'Longines Global Champions Tour' di equitazione con i migliori specialisti del mondo

Interventi di risistemazione per adattare il suggestivo scenario del Circo Massimo ad ospitare dal 2 al 4 settembre il 'Longines Global Champions Tour', che è stato inserito fra i Grandi Eventi cittadini di Roma Capitale. I migliori interpreti saranno protagonisti per la seconda volta, dopo l'esordio dello scorso anno, nel maestoso stadio ovale con una incantevole visione sull'Antica Roma in una degli appuntamenti più prestigiosi dell'equitazione mondiale. La Città Eterna, che per settima stagione è pronta ad accogliere cavalieri, amazzoni e i rispettivi cavalli, avrà in calendario il 'Longines Global Champions Tour', per quanto possibile nella storica arena fra l'altro Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, anche nei prossimi anni. L'amministrazione comunale ha deciso che l'atteso avvenimento internazionale, almeno fino al 2025, stazionerà a Roma dopo aver compreso e riconosciuto la valenza sportiva, sociale e commercialeconomica e, di conseguenza, di pubblico interesse. Alla tre-giorni romana sono attesi 122 atleti, in rappresentanza di 24 paesi, emanazione di tre continenti. Oltre duecento i cavalli in gara, programmate sia nelle ore mattutine che in quelle pomeridiane. Il montepremi complessivamente oscilla sui 650 mila euro. Quindici le prove previste dagli organizzatori.
Roma è stata inserita nel calendario d'élite della manifestazione, ideata dal medagliato olimpico olandese Jan Tops, dal 2015. Tops, all'anagrafe di Valkenswaard Johannes Augustinus Petrus dal 5 aprile del 1961, è stato oro ai Giochi spagnoli di Barcellona del '92 nella prova a squadre di salto. Vanta anche altri podi internazionali dal 1991 al 1999. Il calendario di quest'anno prevede 16 appuntamenti, che coinvolgono 13 nazioni di un tris di continenti. Per la settima volta Roma diventa il centro del pianeta per quanto riguarda la specifica specialità della disciplina sportiva. Prima del Circo Massimo i salti dei cavalli sono stati un vero e proprio spettacolo progressivamente a Miami Beach, a Città del Messico, a Madrid, a Saint Tropez, ad Amburgo, a Cannes, a Stoccolma, a Parigi con vista sulla Torre Eiffel, a Montecarlo, a Londra e a Valkenswaard. Il competitivo tour sarà completato dalle esibizioni a New York, dal 23 al 25 settembre e a Riyadh, dal 20 al 22 ottobre. Il clou, comunque, è previsto dal 17 al 20 novembre nell'indoor di Praga, nel cosiddetto playoff, in cui saranno iscritti i vincitori di ogni tappa del circuito per il Super Gran Prix LGCT e la migliore dozzina di squadre della regular season per la Super Cup Global Champions League. In palio un ingente montepremi, da oltre 10 milioni di euro.
Il Circo Massimo rivestito per l'occasione abbraccia per la seconda volta consecutiva la rassegna. Nelle altre edizioni Roma aveva ospitato il 'Longines Global Champions Tour' allo Stadio dei Marmi del Foro Italico. Una competizione caratterizzata dal Made in Italy professionale con una clinica veterinaria mobile, inedita e unica per l'assistenza; con il responsabile della squadra di maniscalchi; con il disegnatore del percorso e con le riprese televisive visibili da almeno cinquecento milioni di appassionati sparsi in tutto il pianeta.
L'appuntamento è un'altra grande occasione per la Città Eterna pronta ad un rilancio economico, commerciale e turistico anche sfruttando il calendario degli avvenimenti di ogni competizione sportiva. Un migliaio le figure operative coinvolte nell'allungato week-end d'inizio settembre. "Roma è tornata leader per numero di biglietti staccati per i grandi eventi", ha rivelato l'assessore Alessandro Onorato, che ha alzato il velo sulla kermesse sportiva in compagnia del vicepresidente del CONI Silvia Salis, del presidente di Sport e Salute Vito Cozzoli, del vertice della Federazione Italiana Sport Equestri Marco Di Paola, della responsabile del Consiglio Comunale di Roma Svetlana Celli, del massimo riferimento dell'Assessorato alla Cultura Miguel Gotor, della coordinatrice italiana del LGCT Eleonora Di Giuseppe e del Commissario Tecnico della nazionale azzurra di salto ostacoli Marco Porro.
Il cartellone del 2022 prevede alcuni spettacoli, quali, ad esempio, quello equestre 'I cavalli a Roma tra mito, storia e leggenda', 'La rievocazione storica' con l'Esercito Italiano e il tradizionale 'Carosello' dei Carabinieri con l'ammainabandiera per chiudere ufficialmente la rassegna domenica sera intorno alle 19 e 30. Il programma è arricchito anche da rappresentazioni teatrali e liriche, il 'Carosello' dei ragazzi del Centro di Riabilitazione Equestre del 'San Raffaele' di Viterbo e quello dei Lance dei Lancieri di Montebello, che seguirà al Gran Premio di sabato pomeriggio 3 settembre.
Il poker degli azzurri è composto da Piergiorgio Bucci, Giacomo Casadei, Emanuele Gaudiano e Francesco Turturiello. Il ventenne Casadei, fra l'altro, è stato campione olimpico giovanile ai Giochi argentini di Buenos Aires del 2018. L'ingresso per assistere alle gare è assolutamente gratuito.

Pin It