Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Dopo l'esibizione a Tolfa, il prossimo 2 luglio al Teatro Vascello un progetto di spettacolo orizzontale

Mar Mediterraneo, spazio aperto e di confronto, terreno di scontri millenari e relazioni culturali, commerciali e politiche su cui si sono fondate le civiltà più antiche del mondo occidentale. I suoi porti sono stati teatri del passato e officine culturali della contemporaneità di ogni epoca, le pieghe di questi bacini naturali hanno nascosto tesori, spezie, santi, soldati, assassini, impresari, banchieri, poeti, cantori. Ricchezze e saperi sono transitati per questi luoghi senza che nessuno ne avesse coscienza, succedeva, in maniera naturale. E basta. Era solo vita quotidiana. Tra le diverse sponde di questo universo multiforme ha preso vita il nostro mondo e nei secoli si è costantemente trasformato mutuando usi e linguaggi peculiari dei singoli paesi. Proprio passando per i tanti porti di questo mare, Marsiglia, Venezia, Tunisi, Istanbul, Tangeri, Napoli, Genova, Il Cairo, Dubrovnik.
Andata semplice, è un progetto di spettacolo orizzontale con il quale rileggere tempi e spazi classici e contemporanei della nostra cultura.
Lo spettacolo è frutto di un laboratorio ideato per far conoscere la ricchezza del patrimonio di canzoni, di tradizioni, di storie di un gruppo di rifugiati che si esibiranno con la Banda Ikona, gruppo storico della world music italiana, tutti diretti da Stefano Saletti e Barbara Eramo.
Gli incontri, che si sono svolti lungo quattro mesi, sono stati un punto di ritrovo dove tutto era da creare: i rapporti, un linguaggio comune, la conoscenza di sé attraverso il riconoscimento della propria cultura e del proprio ruolo nel gruppo e nello spettacolo, un impegno creativo in azioni collettive con responsabilità individuali per arrivare infine alla creazione di uno spettacolo, luogo dove le singole competenze acquistano valore in un processo di condivisione.
L'ensemble eseguirà canti e musiche tradizionali delle terre di origine delle Voci Migranti (Nigeria, Congo, Costa D'Avorio, Kenia) nelle lingue Lingala, Swahili, Gagu, Yuruba, Igbo, Tshiluba, rielaborati per creare un ponte tra Africa ed Europa.
In un ideale attraversamento del Mediterraneo si arriverà poi nelle coste Italiane, per ritrovare i brani del repertorio della Banda Ikona, anche questi eseguiti dall'intero ensemble.
Con: Banda Ikona Stefano Saletti, Barbara Eramo, Gabriele Coen, Giovanni Lo Cascio, Mario Rivera. Coro Voci Migranti: Adolphine Kalumbu, Ahmad Ramadhan, Gbogogo Agathe Digbo, Jennifer Adams, Lele Pitshiamashi, Mbu Disasi Kibundu
Miriam, Okusun Gerrit, Olumide Bobola, Patrick Meco, Samuel Omojuna, Wisdom Okebunor. Video e regia di Stefano Cioffi.
Andata Semplice è un progetto dell’Accademia Italiana del Flauto prodotto in collaborazione con il CIR – Consiglio Italiano Rifugiati, ideato e diretto da Stefano Cioffi e curato da Stefano Saletti e Barbara Eramo ed è realizzato con il contributo del MIBACT.
Lunedì 2 luglio 2018 ore 21.00 (Teatro Vascello - Via Giacinto Carini, 78 | Roma).
Ingresso € 10 e € 8. Info e prenotazioni 06 589 8031.

Pin It