Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Sabato 17 marzo il pianista Alexei Volodin è ospite della IUC nell’Aula Magna della Sapienza

Il pianista Alexei Volodin è ospite della IUC nell’Aula Magna della Sapienza, sabato 17 marzo alle 17.30, per un concerto intitolato “Dediche”, con musiche di Schumann, Chopin e Liszt.
Il quarantenne Alexei Volodin è considerato uno dei più completi pianisti di oggi. Le sue doti sono quelle proprie della grande scuola russa, che ha prodotto tanti dei più grandi virtuosi degli ultimi centocinquant'anni: ferrea disciplina, tecnica straordinaria, interpretazione intensa e vissuta con tutta l'anima. A questo aggiunge una sua personale qualità: la delicatezza e raffinatezza di tocco, che convive con la forza del suono ereditata dalla tradizione russa.
Volodin ha suonato con le maggiori orchestre e con i direttori più famosi (Lorin Maazel, Riccardo Chailly, Valery Gergiev e Myung Whun Chung, tra gli altri) e i suoi recital sono stati ospitati dalle sale da concerto e dai festival più prestigiosi. Il suo repertorio è straordinariamente vario e spazia da Beethoven a Gershwin, ma i suoi compositori d'elezione sono i grandi romantici, che sono al centro anche del suo concerto romano, imbastito sulle dediche che si scambiarono tre degli alfieri del romanticismo musicale, Chopin, Schumann e Liszt. Sebbene fossero molto diversi come uomini e come artisti, tutti e tre hanno affidato al pianoforte le loro creazioni più alte e ognuno di loro ammirava infinitamente gli altri due. 
Il primo brano in programma è Widmung, che significa appunto dedica e dà il titolo al concerto: è un breve Lied per voce e pianoforte di Robert Schumann, che apre una raccolta da lui dedicata all'amata Clara come regalo di nozze. Sarà ora eseguito nella trascrizione per solo pianoforte di Franz Liszt, a ulteriore dimostrazione degli stretti rapporti e della reciproca ammirazione tra questi musicisti. A seguire ancora Schumann con Kreisleriana, una serie di otto brevi brani ispirati ad una stramba figura di musicista inventata da E.T.A. Hoffman, scrittore da lui amatissimo: Schumann la compose nel 1838 in soli quattro giorni e affermò che era quella a lui più cara tra le sue composizioni. La dedicò a Frédéric Chopin, che rispose dedicando due anni dopo a Schumann la propria Ballata n. 2, basata sulla forte contrapposizione di due temi nettamente diversi: il primo è un sereno e bucolico “Andantino”, il secondo un tempestoso e drammatico “Allegro con fuoco”. Conclude il concerto la monumentale Sonata in si minore di Franz Liszt, dedicata a Schumann, che a sua volta gli aveva dedicato la propria Fantasia op. 17; composta nel 1853, questa è l’unica Sonata di Liszt e costituisce una pietra miliare della musica dell'Ottocento, poiché supera la divisione in movimenti staccati, fondendoli in un unico blocco musicale, reso ancora più coerente dal ritorno degli stessi temi. 
Biglietti: Interi: da 15 a 25 €, più prevendita; giovani: under 30: 8 €; under 18: 5 €.
Aula Magna dell'Università La Sapienza (Piazzale Aldo Moro 5, Roma).
Info: 06 3610051/52 - www.concertiiuc.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pin It