Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Sabato 3 febbraio al Teatro Palladium "Quanti sono gli strumenti sul palco?"

Un diverso approccio al concerto pubblico e alla creatività contemporanea: questa l’idea scaturita dall’incontro tra la clarinettista Selene Framarin e il pianista Alfonso Alberti la cui reciproca e forte curiosità per espressioni musicali non convenzionali li ha portati alla creazione di un concerto-spettacolo dal titolo "Quanti sono gli strumenti sul palco?", in programma al Teatro Palladium di Roma sabato 3 febbraio.
La familiarità (poetica e artigianale) che Selene Framarin ha col mondo della maschera ha dato luogo a questo esperimento che combina suono, mimo e parola, alla ricerca della perfetta sinergia tra strumento-suono, strumento-parola e strumento-corpo; in un gioco rovesciato che riesce ad orchestrare uno spettacolo dai risvolti didattici e innovativi.
Lo strumento del fabbro è il martello. Lo strumento del chirurgo è il bisturi. Quello del pittore, il pennello.
Lo strumento del musicista… è lo strumento musicale, appunto.
Un clarinetto e un pianoforte sul palco; due musicisti. Quanti sono gli strumenti sul palco?
“Due!”, direte voi. Sicuri?
Immaginiamo di fare un gioco, una specie di taboo degli strumenti, e di proibire a un musicista di… suonare il proprio strumento.
Ha forse altri strumenti, se non vuole interrompere il concerto?
“La voce!”, direte voi. Ben detto, e così il suo strumento diventa… la parola.
E se, continuando il gioco, gli vietassimo anche lo strumento-parola?
“Userebbe lo strumento-corpo!” Perbacco, ottima risposta.
A questo punto gli strumenti sono esauriti, direi.
Perché non chiediamo allora ai nostri eroi di rovesciare il gioco e usarli tutti insieme, strumento musicale, strumento-parola e strumento-corpo?
Ma soprattutto, ammesso che si inventino qualcosa… sarà bello, tutto questo?

Programma:
Francis Poulenc (1899-1963)
Sonata per clarinetto e pianoforte (1962) 13’
Storia di Babar, il piccolo elefante (1940)
per voce recitante e pianoforte 22’
John Cage (1912–1992)
The wonderful widow of eighteen springs (1942)
per voce e pianoforte chiuso 3’
Karol Szymanowski (1882–1937)
dalle Masques op. 34 (1915–1916) per pianoforte:
II, Tantris il buffone (versione con mimo) 7’
Roberto Andreoni (1961)
Olympia, clownerie per clarinetto e pianoforte (2015) 18’
Orario spettacolo: Sabato 3 febbraio – Ore 21:00.
Ingresso: intero € 15 / ridotto € 10 / studenti € 5.
Prevendite: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - tel. 327 2463456 (orario 10:00-13:00 / 15:00 – 20:00) - www.liveticket.it/TeatroPalladium
Teatro Palladium - Università Roma Tre (Piazza Bartolomeo Romano 8, Roma).

Pin It