Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

L'attività del fotografo americano Robert Mapplethorpe alla Galleria Corsini a trent'anni dalla scomparsa

L'esposizione alla Galleria Corsini di Roma raccoglie quarantacinque ispirazioni di 'Robert Mapplethorpe. L'obiettivo sensibile', il fotografo americano, rivoluzionario e controverso, operativo nella seconda metà del Novecento. La mostra, allestita negli spazi di via della Lungara, è stata curata dalla stessa responsabile delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini Flaminia Gennari Santori.
La rassegna sull'attività di Robert Mapplethorpe, originario di Floral Park e scomparso il 9 marzo dell'89 a Boston all'età di 43 anni, è snodata in vari spazi del museo: dalla cosiddetta Anticamera alla Prima Galleria; da quella del Cardinale alla Camera del Camino, conosciuta anche come Sala del Trono Corsini; dall'Alcova di Cristina di Svezia al Gabinetto Verde; dalla Sala Rossa a quella Verde. Gli scatti di Mapplethorpe sono alternati e accostati alle altre opere attualmente in mostra alla Galleria Corsini. Un'occasione straordinaria per seguire un percorso completo e inedito allestito nei suggestivi e storici spazi romani, a due passi dal fiume Tevere.
Nel 2019, fra l'altro, ricorrono i trent'anni dalla scomparsa di Robert Mapplethorpe e la Foundation di New York ha promosso una serie di mostre, fra cui una retrospettiva al Guggenheim della città americana e, in Italia, al Museo Madre di Napoli.
L'esposizione romana è accompagnata da alcune iniziative, fra cui visite guidate, laboratori didattici per bambini dai 5 ai 12 anni e una conversazione su Mapplethorpe con la presenza di Jonathan K. Nelson, docente alla Syracuse Uninversity di Firenze e di Andrea Viliani, direttore del Museo Madre di Napoli. Il 26 maggio, il 9 e il 23 giugno, alle ore 16 e 30, sarà proposto e organizzato il 'Museo Adagio', un progetto di 'slow art' per vivere la mostra in una condivisione e contemplazione curiosamente lenta e approfondita. Il catalogo della mostra è stato curato da Flaminia Gennari Santori.
L'esposizione, 'Robert Mapplethorpe. L'obiettivo sensibile', può essere visitata fino al prossimo 30 giugno dal mercoledì al lunedì nella fascia oraria 8 e 30-19.

Categoria: Mostre