Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Conclusi gli interventi in via delle Quattro Fontane. Promossa con il MAXXI una esposizione di 25 artisti

Oltre 750 metri/quadrati distribuiti in undici sale affacciate sui giardini, in via delle Quattro Fontane. La restituzione ai visitatori degli spazi restaurati nel periodo oscillante fra il 2015 e il 2017 è stata immediatamente sfruttata con l'allestimento di una mostra, 'Eco e Narciso', promossa con le collezioni delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini e del MAXXI, il Museo delle Arti del XXI secolo e curata da Flaminia Gennari Santori e Bartolomeo Pietromarchi. Una quarantina le opere esposte di 25 artisti, in grado di coniugare i modelli di creazione antichi con quelli moderni, poggiando su un filo conduttore, il ritratto e l'autoritratto. Ogni area ha i propri confini e i rispettivi protagonisti.
Nel Salone Pietro da Cortona l'opera di Luigi Ontani, 'Le Ore'. Il primo assaggio è condizionato da 'Il trionfo della Divina Provvidenza e il compiersi dei suoi fini sotto il pontificato di Urbano VIII', la cui figura è ricordata con un affresco di oltre 500 metri/quadrati.
Nella Sala Ovale spazio alla riflessione e alla meditazione con 'Eco nel vuoto' di Giulio Paolini e 'Narciso' attribuito con qualche perplessità a Caravaggio, dall'anagrafe Michelangelo Merisi.
Nella Sala Paesaggi l'artista sarda di Ulassai con il tris di opere concesse dal MAXXI, 'Bisbigli', 'Il cacciatore astrale' e 'Terra', realizzati fra il 1984 e 1996. Sedici le opere del MAXXI, in una clima di collaborazione, esposte a Palazzo Barberini, che assorbe 'La Velata' ('La Vestale Tuccia') del 1743 di Antonio Corradini e 'VB 74' di Vanessa Beecroft.
La Sala delle Cineserie ospita Mark Schinwald e il filosofo Luca Giordano, mentre nelle riqualificate aree successive dell'Appartamento d'Estate è possibile ammirare il 'Ritratto di Stefano IV Colonna' di Angelo Di Cosimo Tori, detto Bronzino, il 'Ritratto di Enrico VIII' di Hans Holbein il Giovane e 'Butor' e 'Melville' di Richard Serra.
'Illusions&Mirrors' di Shirin Neshat e il 'Ritratto di Beatrice Cenci' sono le opere che caratterizzano la Sala del Trono e la relativa Cappella, ma anche le Nozze di Bacco', o del 'Ponte' e 'Arianna e Peleo' e 'Teti', rispettivamente di Giovanni Francesco Romanelli, detto il Viterbese o il Raffaellino e Giorgio Belloni.
Procedendo nel tour della riemersione, nella Sala delle Udienze largo e spazio a Kiki Smith, Rosalba Carriera e Benedetto Luti con 'Large Dessert', 'Allegoria dei quattro elementi', acqua-fuoco-terra-aria e Ritratto femminile' e Teste femminili'. Era la sala dove il cardinale Barberini organizzava le invernali udienze, spazio destinato e riservato alla rappresentanza e all'ospitalità dei ricevimenti.
Nell'Appartamento d'Inverno sono stati allestiti il 'Nudo femminile di schiena' di Pierre Subleyras e 'SBQR, netnude, gay scape, orsi italiani, etc....', i ritratti di coppia di Stefano Arienti. E, poi, il Ritratto della famiglia Quarantotti', 'La famiglia del missionario', di Marco Benefial e 'The Invisible Man' di Yinka Shonibare, 'Maria Maddalena' di Piero Di Cosimo, 'La Fornarina' di Raffaello Sanzio e 'Bent and Fused' di Monica Bonvicini.
La Sala Marmi ospita 'Pape' e 'Mao' di Yan Pei Ming e il 'Ritratto di Papa Urbano VIII' di Gian Lorenzo Bernini.
L'ala riqualificata del Palazzo rappresentava il cosiddetto 'Appartamento nuovo' destinato ai cardinali di famiglia, noto anche come 'd'Inverno di Sua Eminenza' o 'del Ponte', in quanto dava sul 'Ponte ruinante' ideato da Bernini.
La mostra, 'Eco e Narciso. Ritratto e autoritratto nelle collezioni del MAXXI e delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini', può essere ammirata al Palazzo di via delle Quattro Fontane, fino al prossimo 28 ottobre, dal martedì alla domenica, nella fascia oraria 8.30-19.

Pin It