Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Esposizione a Palazzo Barberini di alcune opere di Raffaello, fra cui una in arrivo da Budapest

È stata ritrovata il 5 novembre del 1983 dai Carabinieri in un convento greco abbandonato nella zona di Eghjon la 'Madonna col Bambino e San Giovannino' realizzata da Raffaello Sanzio intorno al 1508 fra la fine del periodo fiorentino e l'inzio di quello romano. L'artista era stato chiamato nella Città Eterna dall'allora Santo Padre Giulio II Della Rovere. Per il viaggio a Roma Raffaello, originario di Urbino, dov'era nato nel 1483, aveva lasciato sospesi, incompiuti, alcuni lavori.
L'opera, esposta fino al prossimo 8 aprile nello spazio romano di Palazzo Barberini di via Quattro Fontane, è stata composta su una tavoletta di pioppo a olio e tempera e mostra la Madonna con il Bambino in braccio e rivolti verso un altro bambino, San Giovanni, inginocchiato. Le rovine romane sono sullo sfondo, non presenti nel disegno preparatorio su cartoncino e restaurato esposto vicino all'originale, portano a ritenere che l'opera sia stata progettata a Firenze, ma completata dopo l'arrivo a Roma.
In quel periodo erano numerosi i cantieri aperti per le decorazioni del nuovo Vaticano, fra cui la volta della Cappella Sistina e le Stanze degli appartamenti papali.
Il dipinto, con lati di 28 centimetri e 5 millimetri e 21 centimetri e 5 millimetri, sarebbe stata donata da Clemente XI a Isabella d'Aviz, imperatrice del Sacro Romano Impero, poi è finita nelle mani del principe Kaunitz e, infine, in quelle della famiglia ungherese Esterhàzy. A questo punto il dipinto è conosciuto anche come 'La Madonna Esterhàzy', entrato nel 1871 nella collezione del Szépmuvészeti Muzeum di Budapest, il Museo Nazionale di Belle Arti ungherese. L'opera è arrivata a Roma nel tourbillon di scambi internazionali, che ha portato, fra gli altri, la 'Fornarina' fino al 6 maggio all'Accademia Carrara di Bergamo all'interno della mostra 'Raffaello e l'eco del mito'.
Sulle pareti, per l'occasione, sono ammirabili anche altre bellezze dell'arte di Raffaello, come la 'Madonna col Bambino' ('Madonna dei Garofani') del XVI secolo e 'Gesù Bambino', copia parziale della 'Madonna del Velo'. Di Giulio Romano, invece, la 'Madonna col Bambino' ('Madonna Hertz'), che, restaurata nel 2000, ricorda nella preparazione la ben nota 'Fornarina'. I tre quadri di limitate dimensioni sino delle Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma.
La mostra, 'La Madonna Esterhàzy' di Raffaello, spentosi a Roma nel 1520, curata da Cinzia Ammannato, è visitabile fino all'8 aprile dal martedì alla domenica nella fascia oraria 8.30-19.

Pin It