Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Originale esposizione a Roma, 'Dio si nasconde', firmata da Kozo Yano e André Simoncini

Immagini e parole. Foto e poesie. Flash e componimenti.
Il mix è esposto a Roma, nello spazio della Galleria della Biblioteca Angelica. Protagonisti il fotografo giapponese Kozo Yano e il poeta lussemburghese André Simoncini. Una trentina le testimonianze nell'immortalità del bianco e nero fermate e raccolte in insospettabili zone del pianeta arricchite dalle strofe in doppia lingua.
La mostra, 'Dio si nasconde', è stata curata da Maria Luisa Caldognetto e Stefania Severi con l'organizzazione della cooperativa sociale Apriti Sesamo di Roma in collaborazione con l'associazione culturale Convivium e il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell'Ambasciata del Granducato del Lussemburgo in Italia e dell'istituto Giapponese di Cultura.
Scatti di forme rocciose, strati geologici e sedimenti pietrificati per ricordare e intravvedere, anche stilizzati, riproposizioni di volti umani. La scoperta è avvenuta in un qualsiasi angolo del mondo.
L'incontro fra i due è stato inizialmente professionale, in quanto Simoncini in Lussemburgo dirige una delle più importanti gallerie d'arte contemporanea. I continui contatti hanno portato all'emersione dei rispettivi interessi fino a pensare e concretizzare l'originale iniziativa.
La prima apparizione assoluta dell'unione internazionale nippo-lussemburghese risale al 2014 proprio nella Galerie Simoncini. Tappa successiva in Estremo Oriente, in Giappone. Inevitabile, vista l'origine di Kozo Yano. Nel 2015 a Tokyo all'interno dell'Ambasciata del Lussemburgo in occasione del semestre dell'Unione Europea presieduto dal Granducato.
Kozo Yano è nato a Tokyo. È arrivato in Europa agli inizi degli anni Settanta e dal 1979 ha trovato il riferimento in Francia. Designer, direttore artistico e creativo in alcune agenzie di comunicazione, è stato folgorato dalla passione per la fotografia intorno agli anni Novanta. Vanta esposizioni in Fra, Giappone, Italia e Lussemburgo.
Traduttore, gallerista, poeta, editore, André Simoncini è originario del Lussemburgo con avi italiani. È autore di alcune raccolte in francese abbellite da artistiche illustrazioni. In coppia con Yano ha pubblicato nel 2014 'Dieu se cache' con traduzione in giapponese di Takashi Furugaichi l'anno successivo e nel 2018 in italiano di Maria Luisa Caldognetto, che, fra l'altro, vive in Lussemburgo.
Il catalogo è stato pubblicato da Galerie Simoncini Editeur.
La mostra, 'Dio si nasconde', può essere ammirata gratuitamente fino al prossimo 10 febbraio da
l martedì al giovedì nella fascia oraria oscillante fra le 10 e le 18 e 30. Venerdì e sabato chiusura anticipata alle 13 e 30.
L'esposizione di via Sant'Agostino sarà accompagnata il 25 gennaio dalle letture delle liriche di Simoncini dell'attrice Chiara Pavoni con la proiezione delle immagini del fotografo giapponese e il 27 gennaio dall'incontro con al centro 'Quando la poesia attraversa le frontiere-Itinerari incrociati fra Italia e Lussemburgo' con la partecipazione, fra l'altro, di Elio Pecora, che, per l'occasione, presenterà la pubblicazione internazionale 'Poeti e Poesia'.

Pin It