Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Doppia iniziativa all'Istituto per la Grafica con le opere di Piero Guccione e degli artisti del Premio 'Leonardo Sciascia'

 

Tutte le creazioni dei partecipanti al Premio Internazionale 'Leonardo Sciascia Amateur d'Estampes' sono in bellamostra all'Istituto Centrale per la Grafica affiancate negli spazi a due passi da Fontana di Trevi dall'esposizione 'Piero Guccione. Tra rigore e incanto'. L'artista siciliano, scomparso nel 2018 all'età di 83 in provincia di Ragusa, vantava una profonda amicizia con lo scrittore, critico d'arte e anche parlamentare europeo eletto nel PCI, nato nel gennaio del 1921 a Racalmuto, area di Agrigento.
Ventotto gli artisti invitati al Premio edizione 2021-2022 istituito nel 1998 e che è organizzato ogni due anni dagli 'Amici di Leonardo Sciascia' in collaborazione con il Comune di Milano e per l'occasione anche con il sostegno del Comitato Nazionale del Centenario Sciasciano. Lo scorso 10 febbraio al Castello Sforzesco del capoluogo lombardo è stato rivelato e premiato il podio, rispettivamente conquistato dal ceko Jan Vicar con 'Swing', dall'italiano Franco Fanelli con 'Schliemann' e dal belga Thierry Mortiaux con 'Les Flacons'. Al Palazzo della Calcografia sono esposti anche gli altri lavori dei partecipanti al Premio e firmati dai polacchi Kacper Bozek, Malgorzata Chomicz, Ewa Kutylak; dalla canadese Deborah Chapman; dagli olandesi Charles Donker, Sonia Mottier, Nicolas Poignon, Wendelien Schonfeld; dai francesi Jean-Baptiste Secheret e Ariane Fruit; dagli americani Donald Furst e Michael Goro; dai giapponesi Tomiyuki Sakuta, Akimitsu Tamawake, Mikio Watanabe e Takuji Kubo; dagli italiani Andrea Lelario e Vairo Mongatti; dalla britannica Jenny Robinson; dalla finlandese Marjatta Hanhijoki; dall'ungherese Istvan Orosz; dal lituano Egidijus Rudinskas; dal cubano Agustin Rolando Rojas; dal tedesco Andreas Weissgerber e dall'australiano Cleo Wilkinson.
Prima dell'allestimento nella capitale l'impegno degli incisori era stato offerto agli interessati di Firenze, Fabriano, Venezia e Milano. "È una mostra che raccoglie opere di artisti provenienti praticamente da ogni parte del mondo ed è anche un modo per avviare nuove e felici relazioni culturali", ha affermato Maura Picciau, responsabile dallo scorso luglio dell'Istituto Centrale per la Grafica. Alla giornata inaugurale ha partecipato, fra gli altri, anche la parlamentare Emma Bonino, la quale ha ricordato di "aver conosciuto e frequentato Sciascia nell'ambito letterario, culturale e politico". Sciascia, però, era anche appassionato dell'arte grafica, in quanto ricercava nelle gallerie e nelle librerie le incisioni.
Quindici opere realizzate fra il 1964 e il 2007 da Piero Guccione arricchiscono il percorso espositivo almeno fino all'8 dicembre, fra cui alcune inedite come una 'Marina', acquatinta di grandi dimensioni datata 1992. Guccione, originario di Scicli, è stato pittore, incisore, illustratore e risulta aver scambiato una corrispondenza, fino a qualche tempo fa sconosciuta, proprio con Leonardo Sciascia. Il Premio, almeno finora, ha ospitato 276 incisioni di artisti, rappresentanti di 44 paesi, che hanno consentito la pubblicazione di una decina di cataloghi editi da Il Girasole. In via della Stamperia sono stati esposti anche alcuni documenti e scritti di Leonardo Sciascia.
Nel vicino Palazzo Poli, invece, è stato promosso un incontro su 'L'etica della grafica' con all'ordine del giorno le relazioni fra mercato, circuiti espositivi, tecniche incisorie tradizionali e nuove tecnologie e la didattica nel particolare settore artistico. L'iniziativa, curata da Rita Bernini con Ilaria Savino, è accompagnata da un paio di pubblicazioni: 'Leonardo Sciascia amateur d'estampes' di Francesco Izzo e 'Piero Guccione. Tra rigore e incanto' di Giovanna Mori.
Il Palazzo della Calcografia ospita quasi 150 mila stampe, almeno 28 mila disegni, oltre 24 mila matrici e più di 12 mila fotografie. "Un patrimonio pubblico da tutelare e valorizzare". Ingresso completamente gratuito fino all'8 dicembre dal martedì alla domenica nella fascia oraria oscillante fra le 10 e le 19.

Pin It