Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

'Synesthesia'. A Roma, ai Mercati di Traiano, l'installazione interattiva e multisensoriale realizzata negli Stati Uniti

 

L'assoluta modernità, l'avanzata tecnologica, l'innovazione progettuale allestita nell'area dell'Antica Roma. Almeno inizialmente, in quanto il piano prevede una esposizione itinerante. Superato l'eventuale visibile contrasto e, approfondite le motivazioni, anche le apparenti contraddizioni fra una delle ultime invenzioni dell'età attuale e futura e gli scenari stabili e archeologici dei Fori Imperiali. La novità è rappresentata da una sfera irregolare e morbida, multisensoriale e interattiva posta nella Grande Aula dei Mercati di Traiano, compresa nel Museo dei Fori Imperiali. 'Synesthesia' offre effetti fluttuanti di luce e suoni che invitano il visitatore a iniziare una conversazione sensoriale con l'oggetto e l'ambiente, e§ra stata presentata a Venezia, all'European Cultural Center, nel programma della recente Biennale di Architettura e ad Atene, al Teatro Comunale del Pireo, in Grecia. Negli Stati Uniti è stata la prima protagonista a Philadelphia nella Micro•Gallery dello spazio sperimentale della galleria d'arte 'Hot•Bed'.
L'originale realizzazione è il risultato del profondo impegno e dell'ampia ricerca di Loukia Tsafoulia e di Severino Alfonso. L'obiettivo è quello di sviluppare nuove metodologie in modo da relazionare ognuno con il rispettivo ambiente attraverso l'utilizzo e l'incontro di pratiche come il design interattivo e le scienze della salute emergenti.
L'arrivo nella capitale è stato promosso da Roma Culture e dalla Sovrintendenza cittadina ai Beni Culturali. La realizzazione è opera della Synesthetic Research and Design Lab. presso il College of Architecture and Built Environment e della 'Thomas Jefferson' University, il cui vicepresidente è Ignazio Marino, fra l'altro ex sindaco della Città Eterna.
"Una conversazione sensoriale, in un luogo che riunisce vista, movimento, tatto, memoria e percezione", proiezioni multiple a strutture informe. Lo sguardo del curioso o dell'appassionato esploratore all'interno dei portali avrà una interazione e sarà osservato, catturato e proiettato in tempo reale sulla superficie esterna della stessa sfera per trasformarsi, così, in un cinema tridimensionale il cui filmato sarà osservato dai presenti. 'Synesthesia' è in grado di fornire una percezione razionale ed emotiva di quel che significa vivere con macchine dialoganti fra loro. Le interfacce interattive espandono il comportamento umano sfruttando i sensori e consentono al visitatore di diventare protagonista. Un modo per confermare che il corpo è una entità in grado di imparare, comunicare, praticamente esistere attraverso le rispettive azioni. Conoscenza e consapevolezza per un ruolo, un processo, una risposta a considerazioni sociali, ambientali e di esperienze.
Il laboratorio americano collabora con il Center for Autism and Neurodiversity, con i dipartimenti di Terapia Occupazionale e Neurologia della 'Thomas Jefferson' University e con la 'Jefferson Healt' nella costruzione di sicurezze nelle conoscenze, affrontando modi inclusivi di abitare, considerare e percepire idonei contesti ambientali. Una multidisciplinarietà e una contaminazione intersettoriale anche con una attiva collaborazione fra progettisti, artisti, sostenitori ed esperti della sanità.
Loukia Tsafoulia e Severino Alfonso sono architetti, educatori e ricercatori, fondatori dello studio PLB e docenti al College of Architecture and the Built Environment della 'Jefferson' dove sono impegnati anche nel Synesthetic Research and Design Lab. Barzara Klinkhammer, preside della Facoltà di Architettura della 'Jefferson', era presente a Roma accolta dal sindaco Roberto Gualtieri, per illustrare le funzioni della novità capace di fornire una percezione razionale ed emotiva di quel che significa vivere con macchine fra loro dialoganti.
L'installazione, organizzata da Zétema Progetto Cultura, potrebbe coinvolgere i frequentatori dei Mercati di Traiano fino al prossimo 22 maggio. È consigliabile la prenotazione per l'ingresso previsto tutti i giorni dalle 9 e 30 alle 19 e 30.

Pin It