Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

In Umbria, a Villa Fabri di Trevi, mostra 'Pepi Merisio. Gioco!'. Una cinquantina di immagini soprattutto in bianco e nero

Una cinquantina di flash, la stragrande maggioranza in bianco e nero, che testimoniano le divertenti giornate, le quotidiane spensieratezze, le originali evoluzioni in zone e con strumenti ormai per lo più dimenticati e in molti casi improponibili e catalogati impropriamente come 'passatempi di strada'. Gli scatti racchiudono un ampio arco temporale, dal 1953 al 1989, rappresentando una realtà assoluta e cogliendo alcune attività attraversate dall'occhio consapevolmente attento sia nei confronti dei quasi ignari protagonisti che delle varie specializzazioni hobbistiche. È comunque lontano il tramonto del ricordo avvolto in un fascino unico e insuperabile anche per chi non è stato soggetto principale di quelle gioiose e appassionanti situazioni.
Il filo conduttore della mostra, 'Pepi Merisio. Gioco!'. Momenti di una esistenza allegra, interessata e anche amatorialmente agonistica. Un tourbillon di emozioni. Le sfide hanno vari scenari, piazze, vie e aree dove l'improvvisazione dei perimetri è alternata o trasformata seguendo le molteplici esigenze. Campi di gara ricavati indifferentemente negli sterrati delle piccole e anche semisconosciute zone, nelle pavimentazioni dei seminari e, fra l'altro, nelle ben note piazza Navona, a Roma e San Marco, a Venezia. Pepi Merisio, Giuseppe all'anagrafe della lombarda Caravaggio, ha colto i profili, gli sguardi, l'attimo per descrivere l'intera fase interessata. Scatti oscillanti fra 'I giochi della vendemmia' a San Paolo d'Argan; 'La grande botte di Riomaggiore'; 'La giostra di Colle di Vareno' a Monte Pora; 'Il gioco del cucco' e 'del cerchio' a Peia in Val Gandino; il confronto ai lati della scacchiera con 'Gli orchestrali' del Teatro 'Gaetano Donizetti' di Bergamo dove è stato immortalato il 'Basket in seminario'; 'La tombola di Spezzano' e a Malaga; 'Il salto della corda' ad Albisola; 'Le bocce lungo il Bisagno' e a Riva Trigoso e a Sestri Levante e, poi, le sagre tradizionali e le feste d'un tempo per il Carnevale. Un poker di maximmagini affiancano l'esposizione curata da Flavio Arensi e organizzata da Le Macchine Effimere e da Menti Associate, in collaborazione con il Complesso Museale di San Francesco e il sostegno del Comune di Trevi.
L'esposizione, visibile fino al prossimo 3 ottobre, è stata allestita in quattro sale della suggestiva Villa Fabri realizzata fra gli ultimi anni del Cinquecento e quelli dell'alba del Seicento. A volere la costruzione è stato Girolamo Fabri poi passata di proprietà-in-proprietà fino ad essere inglobata nel patrimonio comunale e diventare riferimento dell'Associazione Regionale Strada dell'Olio Extravergine di Oliva DOP Umbria e della Fondazione Villa Fabri. Ospita, oltre alle mostre, incontri e confronti, appuntamenti culturali e ambientali sfruttando l'ampia area caratterizza dalle numerose piante di ulivo e floreali.
Spettacolare la copertura interna di una sala con un dipinto pluripennelato, che potrebbe essere immerso nell'attuale iniziativa per le rappresentazioni di gioiosi e spensierati giovani e giovanissimi. Il pallone immancabilmente caratterizza alcuni scatti di Pepi Merisio, scomparso a novant'anni lo scorso 3 febbraio a Bergamo. Ben presto è stato attirato e affascinato dalla fotografia, cominciando nel 1947 da autodidatta. Riconoscimenti e gratificazioni alle realizzazioni sono arrivate velocemente: nel 1956, a 25 anni, è richiesta la collaborazione con il Touring Club Italiano e, poi, con pubblicazioni su periodici Italiani e stranieri. Indimenticabile il reportage apparso su Epoca, 'Una giornata col Papa', con protagonista Paolo VI. Ha offerto alle stampe oltre centocinquanta volumi fotografici e ottenuto il Premio italiano e internazionale di fotogiornalismo. Dalla FIAF, la Federazione Italiana Associazioni Fotografiche, ha ottenuto il titolo di Maestro della Fotografia; la Fabbri l'ha accolto nella collana specializzata 'I grandi fotografi' e nel 2008 è stato delegato dal Ministero degli Affari Esteri per allestire una mostra itinerante sulle 'Piazze d'Italia'. Tre anni dopo è stato inviato alla 54^ Biennale di Venezia. "Ha collezionato immagini colte in tutto il mondo anche se preferiva le realtà italiane e quelle in bianco e nero erano in grado di offrire e sviluppare i migliori e maggiori particolari. Una sollecitazione per la mente. Una foto che diventa un vero e proprio racconto", ha rilevato il figlio, Luca Merisio. 'Guardami' è il catalogo antologico di Pepi Merisio.
Un flusso internazionale invade il percorso, nonostante un'unica apparizione oltreconfine, in Arabia Saudita, 'Giochi a Riad', datata 1964. "Trevi, fra l'altro, è stata ispirazione per Michelangelo Antonioni e per la Disney in relazione alla creazione e produzione dei cartoon", ha ricordato Bernardino Sperandio, sindaco dal 2013 della località collinare in provincia di Perugia, composta da una dozzina di frazioni, abitata da poco più di ottomila persone, a 412 metri sul livello marino e straordinariamente costellata da una larga aureola di piante di ulivo.
'Pepi Merisio. Gioco!' può essere ammirata dal martedì alla domenica nella fascia oraria fra le 11 e le 20 nei mesi di giugno, luglio, settembre e ottobre. Ad agosto chiusura posticipata a Villa Fabri per l'esposizione alle 23 esclusivamente il venerdì, il sabato e la domenica. E la giornata centrale, Ferragosto. L'iniziativa è accompagnata dal catalogo stampato da Lyasis Edizioni.

Categoria: Mostre