Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Resi noti nella capitale i vincitori del Premio promosso dall'AAMOD autori di docucorti

'Anche gli ultimi hanno fame'; 'Domani chissà forse' e 'Supereroi senza superpoteri' sono i tre cortometraggi dallo spirito e dalla sostanza documentaristica vincitori del Premio 'Cesare Zavattini'. I progetti sono stati indicati da un'apposita Giuria coordinata a Roma da Susanna Nicchiarelli. Il riconoscimento, arrivato alla terza edizione, è promosso dalla Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico presieduto da Vincenzo Vita con il sostegno, fra gli altri, della SIAE, la Società Italiana degli Autori ed Editori, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e della Regione Lazio; la collaborazione dell'Istituto Luce Cinecittà e la partecipazione della Cineteca Sarda, della Deriva Film e dell'Officina Visioni.
I tre filmati, arricchiti dal materiale della Fondazione AAMOD e degli archivi delle strutture coinvolte nell'iniziativa, avranno complessivamente 6 mila euro da suddividere equamente. Al concorso potevano partecipare i giovani di qualsiasi nazionalità di età compresa fra i 18 e i 35 anni. Ogni proposta non poteva superare i 15 minuti. Il terzetto vincente è emerso dalla decina di finalisti preferiti fra tutti i partecipanti, che hanno potuto usufruire della collaborazione di professionisti del settore per un ulteriore percorso evolutivo, di sviluppo e di completamento prima della conclusiva valutazione da parte della competente Giuria.
'Anche gli uomini hanno fame', ambientato in un bar di Lecce, 'Bielle 2000' dalle iniziali del proprietario, Bisanti Leonardo, è stato firmato da un giovane terzetto interessato delle esperienze del Salento, Gabriele Licchelli, Francesco Lorusso e Andrea Settembrini; 'Domani chissà forse', con scenario in quota, del piccolo centro del Lazio, Vallepietra, è stato realizzato da Chiara Rigione e 'Supereroi senza superpoteri' è un racconto autobiografico di Beatrice Baldacci. Il direttore del Premio Antonio Medici ha ribadito "la validità di tutte le proposte selezionate" per il rush finale e non è escluso di un futuro coinvolgimento produttivo anche delle altre sette nel caso fossero trovati possibilità e spazi organizzativi ed economici.
L'AAMOD, l'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, è stato costruito nel 1979 e riconosciuto come Fondazione nel 1985 ed è tutelata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e dalla Soprintendenza Archivistica per il Lazio. La Fondazione è impegnata nell'attività scientifica e politico-culturale nel settore degli audiovisivi e della multimedialità per favorire la costruzione di una memoria collettiva della vita sociale e dei protagonisti. È coinvolta, inoltre, nella ricerca e nella raccolta, nella produzione e nella conservazione, nella catalogazione e nel restauro di documenti cinematografici, digitali, fotografici, grafici, sonori e videomagnetici su ogni tipo di supporto.
Il Premio e l'accogliente sala dell'AAMOD è dedicata a Cesare Zavattini, poliedrico personaggio e testimone del cinematografico neorealismo nazionale, ma anche commediografo, giornalista, fumettista, pittore, poeta, sceneggiatore e scrittore. E anche regista. In una sola occasione. Nel 1982 per 'La veritaaaà'. Numerose le collaborazioni nel settore cinematografico, soprattutto con Vittorio De Sica, fra l'altro per pellicole come 'Sciuscià' del 1946; 'Ladri di biciclette' del 1948; 'Miracolo a Milano' del 1951 e 'Umberto D.' del 1952, ma anche con Damiano Damiani; Giuseppe De Santis; Alberto Lattuada; Francesco Maselli; Mario Mattioli; Luchino Visconti e Luigi Zampa. Zavattini, originario della reggiana Luzzara e scomparso a Roma nel 1989 all'età di 87 anni, è stato l'ideatore anche di alcune pubblicazioni satiriche come il Bertoldo e il Settebello e di riviste, fra cui il Marc'Aurelio. E nel 2019 ricorrono i trent'anni dell'addio a Cesare Zavattini.

Pin It