Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Nel programma della nona edizione proiezioni, incontri, lezioni di cinema, serate di gala e premiazioni

All'ultima edizione sono stati contati almeno 75 mila spettatori e in otto anni il Bif&st, il Bari International Film Festival, è diventato uno dei più importanti appuntamenti italiani e riferimento del settore.
Cartellone arricchito con proiezioni nelle varie sezioni, incontri, lezioni di cinema, premiazioni durante le serate di gala.
Numerose le anteprime italiane assolute e al Teatro Petruzzelli di Bari è previsto anche un cine-concerto, 'Armando Trovajoli, la musica tra teatro e cinema', per celebrare i cento anni della nascita. In programma anche un documentario, 'Armando Trovajoli. Cent'anni di musica', di Mario Canale e Annarosa Morri. Attesa la partecipazione di Peppe Sorvillo e di Pippo Baudo, al quale sarà assegnato anche il 'Federico Fellini Platinum Award for Artistic Excellence'. Premiati con la realizzazione di Monile e MarioMossaGioielliere, che riproduce il profilo del regista romagnolo disegnato da Ettore Scola anche Antonio Albanese; Bernardo Bertolucci; Pierfrancesco Favino; Mario Martone; Micaela Ramazzotti; Vittorio Storaro e Giuseppe Tornatore, tutti impegnati come docenti nella rispettiva Lezione di Cinema.
Alla manifestazione, che calerà il sipario il 28 aprile, saranno consegnati altri riconoscimenti, fra cui a Gianni Amelio per 'La tenerezza' come miglior regista e ai produttori Domenico Procacci e Matteo Rovere per 'Smetto quando voglio' di Sydney Sibilia.
Altre sezioni riguardano i lungometraggi; le opere prime e seconde; 'Cinema&Scienza' patrocinato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e rivolto ai docufilm del regista tedesco Werner Herzog; 'Cinema&Arte' con la partecipazione, fra gli altri, di Luca Verdone per 'Le memorie di Giorgio Vasari: un artista toscano'; 'Cinema&Musica', riservato nel 2018 a Luis Bacalov e 'Cinema&Medicina'.
Le retrospettive coinvolgono Marco Ferreri, Franco Cristaldi e il 'Nuovo Cinema Paradiso' di Giuseppe Tornatore trent'anni dopo, restaurato dalla Cineteca di Bologna. Atteso l'arrivo anche di Zeudi Araya e Massimo Cristaldi.
Serata-evento alla conclusione del Bari International Film Festival con 'Ultimo tango a Parigi' di Bernardo Bertolucci nell'edizione restaurata dal tre volte Premio Oscar Vittorio Storaro per la Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di cinematografica.
Il film, che ha come protagonisti Marlon Brando e Maria Schneider, era stato condannato alla completa alla completa distruzione nel gennaio del 1976 per poi essere riabilitato nel 1987.
Dodici le pellicole in arrivo da ogni parte del pianeta inserite nel 'Panorama internazionale'. La giuria è presieduta dallo scrittore e sceneggiatore Gianrico Carofiglio, che sceglierà il miglior regista, il migliore attore e la migliore attrice.
Spazio all'UNICEF e alla delicata e importante attività di sostegno a favore dei più piccoli.
Il Bari International Film Festival è stato ideato e diretto da Felice Laudadio e promosso dalla Regione Puglia attraverso l'Assessorato all'Industria Turistica e Culturale, in collaborazione con il Comune di Bari e la Fondazione Apulia.
Presidente della rassegna è la regista Margarethe von Trotta.

Pin It