Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Stampa

'Fellinopolis'. Docufilm con le immagini girate a Cinecittà nel backstage dei lavori del regista riminese

Alla scoperta di un Federico Fellini inedito e sconosciuto ai più, al grande pubblico, che da sempre ha apprezzato e valorizzato l'impegno non solo nella cinematografia. 'Fellinopolis' è il docufilm firmato da Silvia Giulietti, che ha scovato, selezionato e assemblato una parte della produzione dell'indimenticato e pluripremiato regista, sceneggiatore, attore, scrittore e fumettista riminese. Immagini e rivelazioni riguardanti la preparazione dei film e raccolti dai collaboratori fidati, preferiti e scelti ripetutamente per le storie trasferiti sulle pellicole.
E, così, appare un personaggio intenso, attento e puntiglioso, ma anche ironico, amabile e disponibile con i protagonisti dei racconti sia con gli attori professionisti che con le comparse, anche con quelle fino a quel momento ignare alla quotidianità del set. I cosiddetti 'fuori onda' sono stati girati nel corso delle pause e della preparazione delle scene seguite al 'ciak si gira' di un tris di film, 'La città delle donne' del 1980, 'E la nave va' del 1983 e 'Ginger e Fred' del 1986. Le immagini sono inframezzate dai continui interventi da parte di alcuni dell'entourage, più volte importanti e fondamentali sostegni per la realizzazione delle pellicole come l'attore e regista romano Ferruccio Castronuovo, che ha raccolto le testimonianze; lo scenografo marchigiano tre volte Premio Oscar con impegni professionali anche ad Hollywood Dante Ferretti; la segretaria di edizione dei film di Federico Fellini, Norma Giacchero, scomparsa nel giugno del 2010; l'addetto alle creazioni dei costumi, l'emiliano Maurizio Millenotti, bicandidato all'Oscar e, fra l'altro, con un paio di David di Donatello sulla domestica mensola; il compositore e direttore d'orchestra Nicola Piovani, vincitore della pregiata statuetta per la 'Migliore Colonna Sonora' con 'La vita è bella' e la regista Lina Wertmuller.
Federico Fellini, originario della romagnola Rimini, ha via-via traslocato l'ideale punto di riferimento per illuminare suo ricercato cinema negli studi di Cinecittà, in quella Roma dove è scomparso nel 1993 all'età di 73 anni. Lunga, intensa, articolata e qualificata la quarantennale produzione cinematografica, con i margini fissati nel 1950 da 'Luci del varietà' e nel 1990 da 'La voce della luna'. Indimenticabili alcuni titoli come 'La strada'; 'La dolce vita'; '8 1/2'; 'Amarcord'; 'Le notti di Cabiria'; 'I vitelloni'; 'Lo sceicco bianchi'; 'Roma'; 'Fellini Satyricon'; 'Il Casanova'; 'La città delle donne'; 'E la nave va'; 'Ginger e Fred' e 'Giulietta degli spiriti'. Pioggia di riconoscimenti, che hanno arricchito e abbellito la personale bacheca, fra cui tre Oscar; il Premio BAFTA, il British Academy of Film and Television Arts; il Leone d'Oro a Venezia; la Palma d'Oro al Festival di Cannes; Nastro d'Argento , una dozzina; Grolla d'Oro, un poker e un terzetto di David di Donatello. Ha sposato nel 1943 Giulietta Masina, all'anagrafe della bolognese San Giorgio di Piano Giulia Anna, una delle più apprezzate attrici del nostro Paese. Ha diretto alcuni fra i migliori interpreti del cinema italiano, ma anche internazionale, come Roberto Benigni, Anita Ekberg, Marcello Mastroianni, Sandra Milo, Anthony Quinn, Alberto Sordi e un sorprendente Paolo Villaggio.
'Fellinopoli', che arriverà nelle sale il prossimo 10 giugno, è stato scritto e diretto da Silvia Giulietti, le musiche sono state composte da Rocco De Rosa, è stato prodotto da Iframe in collaborazione con la Libera Università del Cinema e distribuito da Officine Ubu. Il docufilm è stato già presentato alla Festa del Cinema di Roma e in altre rassegne cinematografiche.

Categoria: Cinema