Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

La 'Camminata' è promossa dall'Associazione Città dell'Olio. 119 i percorsi in 17 regioni della nostra penisola

Una camminata. Per molti alla scoperta di un paesaggio naturale, tradizionale, storico, forse anche millenario. Nelle terre di tutta Italia, Lazio compreso. Un pellegrinaggio ambientale promosso dall'Associazione Città dell'Olio per domenica 27 ottobre. Sei i percorsi allestiti in quattro delle cinque province del Lazio: Frosinone, Rieti, Roma e Viterbo. In particolare, i riferimenti per gli appassionati, gli esperti, i turisti, ma anche per i semplici curiosi, sono rispettivamente a Sant'Elia Fiumerapido e Vallecorsa; a Mompeo; a San Vito Romano e a Canino e a Cellere.
Le regioni coinvolte nell'iniziativa, 'Camminata tra gli olivi', arrivata alla terza stagionalità, sono 17. 119 le città che hanno raccolto l'invito dell'Associazione guidata da Enrico Lupi e predisposto il percorso oscillante dai 2 ai 5 chilometri. A questo proposito è relativamente agevole scegliere il tour. Infatti, è sufficiente digitare www.camminatatragli olivi.it e avere ogni utile informazione sulla Giornata da affrontare.
'Camminata tra gli olivi', fra l'altro, ha ottenuto un prestigioso riconoscimento dalla Fondazione The Routes of the Olive Tree, che ha base in Grecia, a Kalamata, 'Raccomandato dalle Strade dell'Olivo' del Consiglio d'Europa. Una gratificazione che arriva proprio nel venticinquesimo anniversario della presenza delle Città dell'Olio, che raggruppa e rappresenta oltre 330 soci di ogni angolo del nostro Paese.
Il tour, fra alberi secolari, consente in alcuni casi di ammirare orizzonti straordinari; conoscere la storia, le esperienze e le frequentazioni di un borgo o quelle di un frantoio. Immancabili anche i racconti e le ricostruzioni delle attività delle varie aziende del settore e delle aree coltivate. Un mix di arte, costumi, cultura e tradizioni, oltre all'importanza della produzione di qualità nelle regioni.
Non mancheranno, naturalmente, le degustazioni con l'assoluto protagonista, l'olio extravergine di oliva, in particolare sul pane tostato per le tipiche bruschette da accompagnare, fra l'altro, ai salumi e ai tipici dolci locali.

Pin It