Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Bilancio del primo anno di impegno del Distretto Tecnologico dei Beni e delle Attività Culturali del Lazio

Nell'innovativo progetto sono attivamente coinvolte cinque università statali e un tris fra istituti e centri di ricerca. Era stato ufficializzato quasi alla fine di ottobre dello scorso anno. Dopo praticamente dodici mesi è stato opportuno tracciare un primo bilancio sull'iniziativa, fra l'altro sostenuta economicamente da fonti ministeriali e della Regione Lazio.
Primo convegno annuale con all'ordine del giorno i risultati dell'impegno del Centro di Eccellenza del Distretto Tecnologico dei Beni e delle Attività Culturali della regione Lazio. "Almeno 700 i ricercatori operativi nei 140 laboratori o
pportunamente attrezzati", ha rivelato Eugenio Gaudio, rettore del'La Sapienza', uno degli atenei inseriti nel piano con quelli di Tor Vergata, RomaTre, di Cassino e del Lazio Meridionale e della Tuscia. All'iniziativa collaborano il CNR, il Consiglio Nazionale delle Ricerche; l'ENEA, l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile e l'INFN, l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.
Nel corso dei numerosi interventi è stata sottolineata l'importanza di allestire questo tipo di strutture in ogni area della nostra penisola. Un modo anche per creare nuove professioni, altamente specializzate. Il programma del progetto prevede approfondimenti e fasi di sviluppo in numerosi settori, come quelli tecnologici, economici, diagnostici, di progettazione e restauro.
Variegati gli argomenti affrontati con l'illustrazione delle esperienze rilevate
nelle rispettive aree di ricerca. Si è parlato, fra l'altro, di 'Tecnologie digitali e digitalizzazione'; di 'Catalogazione'; di 'Progettazione e gestione delle risorse'; di 'Diagnostica per il restauro, la conservazione e il monitoraggio strutturale degli edifici storici e dei beni culturali".
Nell'Aula Magna dell'Università del'La Sapienza' di Roma è intervenuta, fra l'altro, Elena Bonetti, ministro delle Pari Opportunità, che era stata coinvolta nel progetto già prima dell'ingresso nell'attuale Governo. Annunciate dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo altre risorse, una cinquantina di milioni di euro, per la digitalizzazione e la catalogazione e la diminuzione del divario fra le zone del nord con quelle del meridione della nostra penisola.

Pin It