Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Alcune soluzioni innovative sono state illustrate dagli artigiani del settore della CNA

Gli alimenti, nel nostro Paese, sia al naturale che trasformati, anche preparati, elaborati e cucinati, rappresentano tipicità, tradizione, cultura, sapori e profumi, oltre che la semplice, ma necessaria, nutrizione e sostanzialmente vitale. Garantire il Made in Italy, produzioni di eccellenza. "In alcuni ristoranti e pizzerie", ha rilevato il segretario della CNA di Roma Stefano Di Niola, "dopo la carta dei vini, degli oli e delle acque minerali, fra l'altro, inizia ad apparire per la clientela anche quella dei pomodori, a dimostrazione di un allargamento e innalzamento dei prodotti coltivati e offerti".
Approfondimento della CNA, la Confederazione Nazionale degli Artigiani, che in collaborazione con AgroCamera, l'azienda speciale della Camera di Commercio, su 'Roma in Food' per ampliare e individuare i futuri scenari e le soluzioni innovative per l'intero settore. In particolare, nell'area della Casa delle Imprese della capitale di via Guglielmo Massaia è stato allestito una specie di mercato delle idee, dell'innovazione e delle strategie a salvaguardia delle produzioni del territorio. Uno degli obiettivi è la creazione di opportunità fra gli agricoltori e gli altri protagonisti dell'intero settore. L'aumento del livello economico ed occupazionale è nell'interesse generale delle varie categorie professionali e produttive.
All'appuntamento romano, aperto dall'intervento del presidente della CNA romana Michelangelo Melchionno, hanno partecipano, fra gli altri, amministratori pubblici e rappresentanti di enti e strutture anche private, come Antonio Rosati e Niccolò Sacchetti, rispettivamente ai vertici dwll'ARSIAL e della locale Coldiretti; Simone Cargiani, editore delle pubblicazioni enogastronomiche delLa Pecora Nera e Carlo Hausmann, direttore di AgroCamera.
Hausmann ha ricordato l'importanza del consumo delle produzioni di stagione e possibilmente a 'chilometro zero'. Un acquisto e un consumo alimentato dai mercati rionali o dalle vendite dirette. Fondamentale, quindi, eliminare i cosiddetti 'sapori finti' con 'cibi sintetici' e l'avvicinamento della città alla campagna o, anche, viceversa. I turisti, che apprezzano i piatti assaporati durante il soggiorno nel nostro Paese, dovrebbero avere l'opportunità di riprodurre i menu anche nelle rispettive abitazioni oltreconfine. Inevitabile,
quindi, la proposta di souvenir enogastronomici, come sughi pronti, vini, oli, mieli, snack proteici o con la tipica frutta nazionale.
I cambiamenti climatici potrebbero condizionare le coltivazioni future. A sentire gli esperti ogni grado in più sposta settentrionalmente il limite agricolo di ben 150 chilometri. Il cosiddetto 'habitat della palma' avanza continuamente anno-dopo-anno verso il nord del pianeta. La desertificazione non potrebbe essere solo agricola, ma anche economica, sociale ed occupazionale.

Pin It