Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Maria Vittoria Marini Clarelli guiderà gli uffici di Palazzo Lovatelli. Nomina ufficializzata dal Campidoglio

Romana, storica dell'arte, 61 anni, Maria Vittoria Marini Clarelli è la nuova sovrintendente ai Beni Culturali del Comune di Roma. Sostituisce Claudio Parise Presicce, che era in carica dalla fine di aprile del 2014 per volontà dell'allora sindaco Ignazio Marino. Non uscirà completamente dall'organigramma del Campidoglio, in quanto resta Direttore della Direzione dei Musei Capitolini.
L'ufficializzazione della nomina è arrivata direttamente dal vertice dell'amministrazione monocolore pentastellata rappresentata nello spazio della Piccola Protomoteca da Virginia Raggi e da Luca Bergamo. "È la prima donna alla guida della Sovrintendenza", ha sottolineato Virginia Raggi, che rappresenta l'assoluta novità al femminile nella Giunta di Roma Capitale.
Maria Vittoria Marini Clarelli, fra l'altro con un passato da sovrintendente alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea, da insegnante di Museologia alla Facoltà di Architettura 'Ludovico Quaroni' della capitale, nell'Ufficio Studi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali per decisione dell'ex ministro Dario Franceschini e componente di numerose commissioni internazionali, ha espresso le prime indicazioni. "Diritto alla cultura per una educazione alla cura del patrimonio, in particolare rivolto ai più giovani" e, poi, "la salvaguardia del verde delle numerose ville storiche e del decoro e del patrimonio monumentale", fontane, piazze e palazzi compresi. "Nella capitale sono oltre quaranta le residenze storiche" ed è necessario, viste le limitate risorse economiche, "un lavoro multidisciplinare". Il decoro urbano riguarda anche la presenza degli ambulanti, delle bancarelle, dei camion-bar e ristoro nelle aree di valore archeologico del centro storico, "ma anche della periferia", ha ricordato Virginia Raggi. I singoli municipi, a suo dire, sarebbero impegnati a "delocalizzare i venditori ambulanti" nelle strade vicine a quelle delle attività commerciali stabili. Dei negozi. Le licenze merceologiche regolarmente rilasciate sarebbero oltre undicimila, fra l'ambulantato fisso e quello a rotazione. La Sovrintendenza ha rivolto l'interesse anche alle Mura cittadine. Per migliorare le condizioni sarebbe stato predisposto un monitoraggio. Sguardi anche al Parco Archeologico da estendere dai Mercati di Traiano al Circo Massimo. Imminente l'intesa fra lo Stato e il Comune per un unico ticket utile ai visitatori per ammirare le testimonianze dell'Antica Roma si Fori. La rinnovata illuminazione, assicurata dal Sindaco, sarà rivitalizzante per le Mura, perimetro della Città Eterna, ma che in alcuni punti sono a rischio.
Interventi sono previsti, fra l'altro, al Mausoleo di Augusto e sulla piazza. Un aspetto positivo riguarda il livello di adesioni alla carta MIC, che con 5 euro l'anno consente l'ingresso gratuito in ogni Museo cittadino.

Pin It