Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Transparency. L'Italia guadagna posizioni, fino alla 53^, nell''Indice di Percezione', ma è ancora insufficiente

Pian piano, anno-dopo-anno, l'Italia risale posizioni e percentuali nella classifica dell''Indice di Percezione della Corruzione' definita da Transparency International seguendo e analizzando alcune condizioni e parametri di 180 paesi. I dati sono stati resi noti nella capitale da Virginio Carnevali, riferimento in Italia di Transparency International e approfonditi anche da Raffaele Cantone, presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione e da Giulia Sarti, responsabile della Commissione Giustizia della Camera.
L'Italia, dunque, conquista una posizione rispetto al 2017, la 53^ e un paio di punti percentuali e arriva a 52, comunque sempre sotto il convenzionale limite della sufficienza, ma ben distante dai fondali toccati nel 2012 quand'era alla piazzola 72 a quota 42 e l'anno successivo, ultima fra le nazioni europee. L'inversione di tendenza è stata sospinta molto probabilmente da un paio di importanti passaggi: il primo, fra il 2012 e il 2013, con l'approvazione della 'legge-Anticorruzione' e, l'altro, nel 2014 con la nascita dell'ANAC, l'Autorità Nazionale Anticorruzione guidata da Raffaele Cantone.
"Non è sempre certo il rapporto fra i fatti di corruzione e la percezione, che, comunque, non è uniforme ed omogeneo in tutto il mondo", ha sottolineato lo stesso magistrato. "I casi nella pubblica amministrazione sono gravi anche per l'immagine del Paese e nel riflesso internazionale e non è assolutamente dimostrato che i particolareggiati controlli e le minuziose verifiche sono causa di ritardi e danni per concessioni e appalti. L'esempio dell'Expo di Milano è eloquente".
Pungente, ma concreto e anche realistico il parere di Carnevali, quasi tagliente su come "in Italia è ancora alta l'idea" della continua e costante bustarella per agevolare e risolvere un iter burocratico o ottenere lavori e rifornimenti di qualsiasi genere per gli uffici della pubblica amministrazione. "Ed è pericoloso affermare che la lotta ai fenomeni di malaffare aumenta la percezione della corruzione, semmai è il contrario".
Lo studio internazionale è articolato in tredici sondaggi e valutazioni di esperti sul fenomeno nel settore della pubblica amministrazione, i quali assegnano punteggi da zero, per le condizioni di alta irregolarità, a cento, per una completa immunità. Oltre due/terzi dei paesi ha raccolto giudizi inferiori a 50, come dire che la situazione non è proprio l'ideale e rassicurante per i rispettivi cittadini. La media dei 180 paesi è di 66/100. Dal 2012 solo una ventina di nazioni hanno migliorato significativamente il punteggio e la posizione, fra cui l'Italia. Quasi altrettante sono scivolate, piombate nel meridione della graduatoria, fra cui l'Australia, l'Ungheria e la Turchia. Danimarca leader, in grado di scavalcare la Nuova Zelanda. Al di sopra del parallelo 80 figurano una dozzina di nazioni, fra cui nove europee a stragrande maggioranza nordica. Singapore e Canada le altre due extraeuropee. Gli Stati Uniti sono ventiduesimi con 71 punti alle spalle della Francia, del Belgio, del Giappone e, persino, dell'Estonia. L'Italia pareggia con Grenada e l'Oman, ma precede, fra gli altri, grandi e importanti paesi anche dal lato commerciale, economico e politico, come la Cina, ottantasettesima con 39 punti e la Russia, centotrentottesima con 28 punti, alla pari di altri cinque realtà geografiche. La lunga lista è chiusa dalla Somalia, che ha rastrellato solo 10 preferenze da parte degli esperti.
Giulia Sarti, presidente della Commissione Giustizia della Camera, ha ricordato le norme già approvate e sottolineato l'importanza della raccolta e della diffusione dei dati elaborati da Transparency International. "Indicatori utili per le prossime iniziative legislative rivolte, ad esempio, alle attività delle fondazioni e dei partiti". Importanti "le funzioni degli agenti infiltrati e le attività di intercettazione".
Una minaccia continuativa "gli alti livelli di corruzione e la scarsa trasparenza di chi gestisce la cosiddetta 'cosa pubblica', conflitti di interesse fra finanza, politica, affari e istituzioni, che rappresentano una minaccia alla stabilità e al buon funzionamento di un Paese. Le istituzioni, sia nazionali che europee, devono per prima cosa riacquistare la fiducia dei cittadini, mostrando trasparenza, credibilità e inattaccabilità sul piano dell'integrità" etica e morale, hanno ribadito alla Transparency International, l'organizzazione non governativa impegnata nella lotta alla corruzione. Contrastare il fenomeno in tutte le forme e un giro d'affari illecito a più zeri; analizzare e studiare le soluzioni e gli strumenti idonei; promuovere le normative ideali e utili; incoraggiare gli operatori economici pubblici a formulare e applicare i necessari principi etici e organizzare incontri e convegni per sensibilizzare le istituzioni e la pubblica opinione, sono i carburanti delle iniziative e delle attività per avvicinare e centrare gli obiettivi di Transparency International.

Pin It