Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Illustrate le iniziative del piano pluriennale promosso dalla Regione Lazio e realizzate dalle imprese

Ammontano a quasi 2 miliardi e 700 milioni di euro le risorse previste dai Fondi Strutturali e di Investimenti Europei nel periodo di programmazione 2014-2020 e sono intorno alla metà della Politica Unitaria regionale. Coordinamento e unitarietà nella fase di programmazione, gestione e monitoraggio dei SIE sono i compiti assicurati dalla Regione Lazio attraverso l'Assessorato al Bilancio, che garantisce un costante presidio programmatico e attuativo della strategia di sviluppo e coesione territoriale.
Le indicazioni sono state rese note nel corso della giornata promossa dall'amministrazione regionale, 'Con l'Europa il Lazio è più forte. Innovazione e protezione per essere più vicini alle persone', a cui hanno preso parte rappresentanti delle istituzioni, di enti pubblici, delle imprese e dell'economia. I fondi europei sostengono undici OT, Obiettivi Tematici, che riguardano, fra l'altro, il rafforzamento della ricerca, dello sviluppo tecnologico e dell'innovazione; il miglioramento dell'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione; la protezione della competitività delle piccole e medie imprese e del settore agricolo; l'adattamento al cambiamento climatico, la prevenzione e la gestione dei rischi; la salvaguardia dell'ambiente e la capacità di favorire l'istruzione, la formazione professionale, l'economia sostenibile, l'inclusione sociale, il trasporto e la mobilità dei lavoratori.
Nel corso dell'appuntamento sono intervenuti anche gli esponenti di alcune imprese che hanno ottenuto i finanziamenti e le agevolazioni previste dai bandi promossi e organizzati dalla Regione Lazio per illustrare le rispettive esperienze nei vari settori economici e produttivi.
I 2 miliardi 693 milioni e 800 mila euro dei Fondi Strutturali e di Investimento Europei sono stati riservati e suddivisi in tre categorie, per il FESR, il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale; il FSE, il Fondo Sociale Europeo e il FEASR, il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale. Nel piano-SIE è inglobato anche il FEAMP, il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca.

Pin It