Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Premio ANGI. La cerimonia alla Camera il 14 dicembre. Riconoscimento alla plurimedagliata della scherma Bebe Vio

"Il futuro è dei giovani, che hanno idee, ambizione, determinazione, potenzialità e inventiva per creare nuove professioni e specializzazioni": pensieri e parole di Bebe Vio, all'anagrafe di Venezia dal 4 marzo del 1997 nota come Beatrice Maria Adelaide Marzia, plurimedagliata nella scherma alle competizioni paralimpiche, mondiali ed europee. Insomma, un'assoluta star del firmamento sportivo italiano, in pedana, ha riferito, "da quando aveva 5 anni". La ventunenne veneta, pronta a partecipare ai tornei per altre prestigiose conquiste e per essere nuovamente protagonista nei Giochi dei cinque cerchi multicolorati di Tokyo del 2020, segue le lezioni alla 'John Cabot University', in quanto favoriscono "le scoperte, le esperienze", che "saranno utili una volta conclusa l'attività sportiva agonistica". L'impegno didattico, che "non sempre si concilia con l'attività sportiva", ha rivelato la giovane atleta con l'ambizione di arrivare alla poltrona più ambita e prestigiosa del CONI, il Comitato Olimpico Nazionale, dopo, comunque, aver concluso il ciclo di Comunicazione e le sfide sulla pedana della scherma.
Bebe Vio ha ricevuto in anticipo il Premio Nazionale Giovani Imprenditori assegnato dall'ANGI. L'Associazione Nazionale Giovani Imprenditori consegnerà nell'Aula dei Gruppi della Camera dei Deputati il riconoscimento, il prossimo 14 dicembre, a 22 imprese di 11 settori merceologici. 5 i premi alla carriera. L'atleta azzurra, quel giorno, sarà "in Giappone" per le gare internazionali.
L'economia italiana, è ben noto, è basata soprattutto sulle piccole e medie imprese, che superano il 90% delle attività. Il presidente dell'ANGI Gabriele Ferrieri, infatti, ha ricordato "l'impegno dei giovani, praticamente nativi e immersi nelle nuove tecnologie, "costruttori del futuro del nostro Paese".
Alla presentazione del Premio hanno partecipato anche
il responsabile della 'John Cabot University' Franco Pavoncello e quello del GPF Inspiring Research Roberto Baldassarri, che ha reso noti i dati di una ricerca su Giovani, Politica e Mondo del Lavoro', da cui emerge, attraverso un migliaio di contatti, una sostanziale stabilità nelle considerazioni generali sull'economia e sulle possibilità occupazionali, in particolare giovanili, sia in generale che a livello personale.
Il Premio ha ottenuto il sostegno, fra l'altro, del Parlamento Europeo, dell'Agenzia per l'Italia Digitale, dell'ICE, di Roma Capitale e della RAI.

Pin It