Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Primi risultati del biomonitoraggio promosso dai Carabinieri, da Roma Capitale e della Federazione nazionale di categoria

Al di là delle attese. Gli esperti hanno raccolto, immagazzinato e analizzato i primi responsi, quasi imprevedibili e hanno allargato il campionario delle conoscenze della flora fiorita della capitale. Ad aggiornare il catalogo è opera delle api protagoniste del biomonitoraggio ambientale promosso e organizzato dai Carabinieri ex Forestale, dall'amministrazione di Roma Capitale e dalla Federazione Apicoltori Italiani.
I risultati dell'iniziale fase del Progetto 'ApinCittà' sono stati illustrati in uno spazio del Bioparco. Nella Sala dei Pavoni erano presenti, fra gli altri, il generale Antonio Ricciardi; l'assessore comunale Giuseppina Montanari e il presidente del Bioparco Francesco Petretti e quello della Federazione Raffaele Cirone. Nicola Palmieri, coordinatore scientifico del Progetto, ha rilevato che sono state censite oltre 150 specie botaniche, alcune assolutamente impensabili da trovare; riconosciuti e contati 156 pollini.
Una ventina i riferimenti, che ospitano le numerose 'sentinelle'; confini del verde pubblico cittadino superati per volare di fiore in fiore e anche nelle aree private. Impollinando. E questa è una delle motivazioni delle scoperte nelle analisi, stimolate dalla necessità di valutare la qualità dell'aria della cittadina. Le api come termometro delle condizioni atmosferiche, centraline di monitoraggio viventi e mobili. Più di uno, fra scienziati, ricercatori e osservatori di ogni angolo del mondo, hanno sottolineato l'importanza vitale e fondamentale della funzione delle api sull'ecosistema del pianeta. "Senza api e il rispettivo impegno di impollinatore il pianeta avrebbe difficoltà nella sopravvivenza".
I controlli sono stati effettuati sul miele e hanno confermato la situazione dell'aria della capitale. Non esaltante. Gli alveari utilizzati come stazioni di biomonitoraggio non sostituiscono le centraline che controllano i parametri sull'andamento dell'aria. Il numero delle postazioni potrebbero aumentare con l'adesione al Progetto 'ApinCittà' di altri enti, società, amministrazioni pubbliche e aziende private. Le api, rigidamente italiane, sono utilizzate per i rilevamenti della qualità dell'aria, dell'acqua, del suolo e degli organismi viventi.
La presentazione dei dati è stata anche l'occasione per alzare il velo sull'opera di Giampaolo Atzeni, 'Regina Mundi', ispirata proprio all'ape italiana. L'iniziativa, che vede il Bioparco allestire un alveare offerto all'interesse dei visitatori, è fra le assolute novità a livello europeo.

Pin It