Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

'All Routes Lead to Rome'. Filo comune della terza edizione, dal 16 al 25 novembre, l'ambiente, lo sport e la spiritualità

Nell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale il programma della terza edizione di 'All Routes Lead to Rome' è caratterizzata da incontri, confronti, proposte e iniziative, soprattutto in merito ad ambiente, sport e spiritualità. "Una quarantina di proposte in 28 luoghi in dieci giorni", dal 16 al 25 novembre, ha sottolineato Federico Massimo Ceschin, coordinatore dell'appuntamento, utile ai cittadini e alle istituzioni. "Modelli di sviluppo sostenibile, ma anche le straordinarie eccellenze da incontrare quotidianamente lungo gli itinerari culturali, i cammini e le ciclovie della nostra penisola".
Valorizzare e sostenere il turismo escursionistico e protezione del patrimonio naturale italiano è stato il richiamo del portavoce nazionale della Confederazione Mobilità Dolce Roberto Greco.
Mario Macaro, responsabile delle Relazioni Istituzionali della FIE, la Federazione Italiana Escursionismo, ha posto l'attenzione sulla nuova intesa fra la Rete dei Sentieri con il CAI, il Club Alpino Italiano.
All'edizione 2018 ha aderito anche l'UNPLI, l'Unione Nazionale delle Pro Loco d'Italia, che, attraverso il presidente Antonino La Spina, ha ribadito il complesso e variegato progetto dei 'Cammini'.
La rassegna rivolge un interessato sguardo alla cosiddetta 'economia della bellezza' sfruttando e sostenendo lo sviluppo di tutti i settori interessati, in grado di creare produttività. Utili, quindi, la programmazione e le strategie comuni con oltre cento partner e collaborazioni colte dalle strutture sia pubbliche che private. Alla definizione del programma sono state coinvolte anche riferimenti religiosi, proprio per allargare le opportunità produttive, economiche e occupazionali collegati alla cultura e alla bellezza del nostro Paese.
"Il turismo lento e dolce e l'impegno dei municipi romani potrebbero essere strategici per la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e c
ulturale" della Città Eterna, ha rilevato il presidente dell'assemblea dell'aula Giulio Cesare del Campidoglio Marcello De Vito. "Il turismo sostenibile è un settore di qualità, fonte di sviluppo culturale, sociale ed economico, che consente di vivere in modo consapevole un territorio per salvaguardare le bellezze da ammirare", ha sostenuto Carola Penna, presidente della Commissione Turismo, Moda e Relazioni Internazionali di Roma Capitale. Immaginabile "un 'ponte' fra popoli come veicolo dei principi universali di tolleranza e rispetto delle differenti realtà sociali e culturali".

Pin It