Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Atenei, enti di ricerca, Regione Lazio e imprese coinvolte nel Centro di Eccellenza per i beni e le attività culturali

"Il Lazio potrebbe essere il primo laboratorio al mondo per le tecnologie applicate ai beni e alle attività culturali". Pensieri e parole del presidente dell'amministrazione regionale Nicola Zingaretti, che ha sottolineato un'indiscutibile leadership planetaria per concentrazione di "luoghi e beni storico-architettonici-archeologici-ambientali e di centri di studi e di ricerca". Il vasto e pregiato patrimonio ha trovato dopo oltre cinque anni dall'iniziale proponimento una 'casa' comune, finalmente presentata ed illustrata all'Università 'La Sapienza' di Roma.
Al Centro di Eccellenza del Distretto Tecnologico per i Beni e le Attività Culturali del Lazio sono attualmente partecipi cinque atenei, di Cassino, di RomaTre, di Tor Vergata, della Tuscia, oltre al'La Sapienza'; gli enti scientifici e di ricerca, CNR, ENEA e INFIN e alcune associazioni in rappresentanza delle micro, piccole, medie e grandi imprese, degli artigiani, CNA, Federlazio, Lega Coop e Unindustria.
L'Italia è al primo posto per numero di siti riconosciuti e inseriti nella lista del Patrimonio dell'UNESCO e il Lazio vanta 259, fra musei e gallerie d'arte; 29 monumenti; 28 aree e parchi archeologi; 13 università; 6 istituti centrali del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e, fino al prossimo 31 dicembre del 2018, anche del Turismo e un poker di strutture d'élite di ricerca. A questo vanno sommate quasi 40 mila imprese impegnate nel settore con almeno 200 mila occupati, il 14% del complessivo nazionale, con una produzione arrivata, in soldoni, a 14 miliardi e 700 milioni di euro, il 16% del totale della penisola.
'iniziativa prevede un'intesa programmazione di alta formazione per i giovani, che potrà essere utilizzata anche dalle attività imprenditoriali nelle rispettive produzioni, fra cui una decina di master, compresi quelli a livello internazionale; numerosi corsi di approfondimento e di teledidattica e l'allestimento specialistico di 140 laboratori in una dozzina di reti telematiche. Rilievi positivi all'avvio dell'innovativa esperienza da parte dei rappresentanti di ogni struttura attiva nel Centro di Eccellenza: i rettori del'La Sapienza' Eugenio Gaudio, che ha inaugurato la serie degli interventi, dell'Università di Cassino e del Lazio Meridionale Giovanni Betta, di RomaTre Luca Pietromarchi, di Tor Vergata Giuseppe Novelli e della Tuscia Alessandro Ruggieri; il presidente dell'INFIN Fernando Ferroni e i delegati dei vertici del CNR Gilberto Corbellini e dell'ENEA Roberta Fantoni. Per il mondo delle imprese sono intervenuti l'Unindustria, Roberto Calari di CulTurMedia di Lega Coop, Silvio Rossignoli di Federlazio e Michelangelo Melchionno della CNA, che è stata una delle prime partner nel protocollo d'intesa risalente al 2015. Maria Sabrina Sarto, chiamata a coordinare il Centro di Eccellenza DTC del Lazio, ha anche indicato i progetti di ricerca, che hanno avuto il via-libera. Investiti dalla Regione Lazio e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, quasi 42 milioni di euro. Il primo obiettivo è proprio il Centro di Eccellenza. 6 milioni di euro, 800 ricercatori e 400 assegnisti.
I progetti riguardano l''Analisi delle Competenze', compreso l'Osservatorio sulle risorse territoriali del Distretto Tecnologico dei Beni e delle Attività Culturali del Lazio, coordinate da Maurizio Pancia del CNR; le 'Tecnologie per il miglioramento della SISMI, la Sicurezza e la rIcostruzione dei centri Storici in area susMIca, gestita dalla professoressa Lucina Caravaggi del Dipartimento Architettura e Progetto di Rm/1 e 'Adamo', tecnologie di Analisi Diagnostica e Monitoraggio per la conservazione e il restauro di beni culturali organizzato da Roberto Fantoni dell'ENEA.

Pin It