Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

A Foligno sarà preparato l'intero campionario delle tipiche specialità nazionali anche con alcuni chef stellati

È dedicata alle donne la ventesima edizione de'I Primi d'Italia', un vero e proprio festival delle portate tipiche nazionali, in programma a Foligno dal 27 al 30 settembre. L'ormai tradizionale iniziativa, partita nel 1999 dopo il terribile terremoto per riavviare l'economia anche turistica del centro umbro, è promossa, fra gli altri, dalla Confcommercio regionale attraverso l'Epta e il Comune di Foligno.
Sedici i 'Villaggi del gusto' allestiti in altrettante storiche e suggestive taverne, nelle quali gli chef prepareranno i tipici piatti del Made in Italy. Pasta, riso, polenta, zuppe, preparati per celiaci e allergici. Insomma, un appuntamento sempre più allargato alle esigenze e alle richieste dei partecipanti, che ha ampliato gli orizzonti e superato le frontiere. Lo scorso anno l'ospite d'onore è stato Israele, nel 2018 è un altro paese mediterraneo, la Spagna.
Un appuntamento in grado di incuriosire e coinvolgere nel 2017 quasi centomila appassionati, che hanno visto cuocere 13 mila chili di pasta; 3 mila chili di riso; una quantità mini-industriale di patate, ingrediente base per la preparazione degli gnocchi e di pesce, ma anche tartufi, funghi, pomodori e carni per i ragù. Tutto il campionario delle specialità tradizionali italiane. "Questi piatti rappresentano veramente il Made in Italy, in quanto solo nel nostro Paese esiste una cultura e una cura per le materie prime e la preparazione unica", ha sottolineato la stellata della cucina Cristina Bowerman.
Possibilità anche di degustazioni dei vini italiani. 22 le cantine allestite ed attrezzate nei palazzi storici di Foligno in rappresentanza di diciannove regioni. Chi è interessato potrà acquistare anche i prodotti tipici, in particolare il riso mantovano, il pescato dell'Adriatico marchigiano e i pregiati tartufi dell'azienda Urbani, leader del settore e sostegno della manifestazione.
Chef dai volti e nomi noti, al femminile, come ha sottolineato il presidente di Epta Aldo Amoni, per appuntamenti straordinari. 'A tavola con le Stelle' per richiamare i flash su Viviana Varese del ristorante 'Alice' dell'Eataly di Milano; Cristina Bowerman anima del 'Glass Hostaria' di Roma e Silvia Baracchi del Relais 'Il Falconiere' di Cortona impegnate dal 27 al 29 settembre.

Di tutto e di più sui piatti e nel cartellone del programma con il 'Villaggio' di Anna Moroni e, per i più piccoli, il Pranzo con Misha, lo spettacolo all'auditorium 'San Domenico' e 'Mani in pasta' per la preparazione delle sfoglie con farina, uova e acqua.
L'assessore allo Sviluppo Economico e al Commercio del Comune di Foligno Giovanni Patriarchi ha ribadito la completa riqualificazione della città umbra dopo le scosse del '97 e la rinascita del centro storico.
Prodotti di alta qualità per la preparazione dei piatti offerti a costi contenuti in uno scenario caratteristico sia dal lato naturalistico che storico-architettonico, come la maggior parte delle altre realtà della regione. Una rassegna promossa e organizzata nel cuore della città con ampia disponibilità di posti-auto.
'I Primi d'Italia', anche quest'anno, affiancano
iniziative di solidarietà. Nell'occasione a favore della sezione di Foligno dell'associazione internazionale Soroptimist, impegnata nel sostegno alle donne vittime di abusi, maltrattamenti e violenze.
Spazio anche alla cultura con la partecipazione delle firme di alcune pubblicazioni, come Silvia Baracchi, 'Rosso di Gusto'; Gabriele Bindi, 'Grani antichi'; Sara Cimica, 'Pancetta bistrot'; Laura Efrikian, 'Incontri'; Margharet Evangelisti, 'Pitronilla'; Chiara Francini, 'Mia madre non lo deve sapere' e Prisca Mencacci, Tutti i gusti del presidente'.

Pin It