Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito. Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Consegnati dagli operatori del CAR oltre mille chili d'ortofrutta per le mense delle ACLI di Roma e provincia

Oltre mille chili di frutta e verdure sono stati consegnati dal CAR, il Centro Agroalimentare di Roma, alle ACLI, le Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani, per sostenere le strutture di assistenza ai disagiati di questo particolare periodo dell'anno.
"Ad agosto chi è solo rischia di rimanere ancora più solo", hanno sottolineato con un unico pensiero , assolutamente comune, Lidia Borzì, presidente delle ACLI di Roma e provincia e Fabio Massimo Pallottini, responsabile dell'attività del CAR di via della Tenuta del Cavaliere.
'La solidarietà non va in vacanza' è stato lo slogan che ha accompagnato l'iniziativa.
"Ortofrutta buona, di qualità per rispondere anche alle esigenze di una corretta alimentazione da parte delle famiglie e delle persone più bisognose, che, purtroppo, come sappiamo, eliminano alcuni prodotti alimentari", ha rilevato Pallottini.
La frutta di stagione e le verdure sono destinate alle mense e, in particolare, all'Opera Nazionale per la Città dei Ragazzi, alla parrocchia di Santa Maria in Capitelli e all'Isola Sociale".
Da oltre un anno il Centro Agroalimentare e l'Associazione fondata nel 1944 da Achille Grandi collaborano per evitare lo spreco di alimenti e per il riutilizzo a scopi sociali, in particolare con il progetto, 'Il cibo che serve'.
Iniziative che attraverso anche una maggiore sensibilizzazione generale "sta dando frutti importanti".
Negli ultimi tempi sono stati recuperati oltre 4 mila di frutta e verdure.
È anche un impegno educativo, in quanto insegna a valorizzare gli alimenti.
"È un esempio virtuoso di sussidiarietà circolare, che unisce le istituzioni come la Regione Lazio; i privati del CAR e le associazioni coinvolte nel settore sociale, come le ACLI e tutte quelle che operano nella rete di assistenza e sostegno per le categorie e le persone in difficoltà e disagiate", ha ricordato Lidia Borzì.
Gli alimenti saranno trasportati nelle opportune destinazioni da un furgone refrigerato per salvaguardare l'integrità e la freschezza dai prodotti da servire acquistato dalla Regione Lazio.
Ed è in arrivo un altro partner come la Consetra Consorzio Trasporti di Luigi Cafone, già presente a Guidonia con una piattaforma per le merci deperibili, che "metterà a disposizione i mezzi per rendere ancora più capillare la distribuzione degli alimenti".
Il Centro Agroalimentare è una delle più importanti strutture europee dedicate e riservate ai prodotti ittici e dell'ortofrutta.
È un punto tecnologicamente avanzato e informatizzato, integrazione fra produzione, export, imprese di logistica e di servizi e di indirizzo del trasporto degli alimenti, anche verso le strutture portuali.
Il CAR dell'hinterland della capitale nell'immediato è in possesso delle certificazioni di qualità e di sicurezza per i consumatori e anche per i numerosi operatori impegnati nelle varie attività.

Pin It